Un boccale pieno per metà di birra e per metà di tasse. È questo l’oggetto del contendere tra i produttori di una bevanda sempre più amata in Italia, dove si sta sviluppando anche un fiorente mercato artigianale, e lo Stato. Uno scontro rilanciato dall’ultimo aumento delle accise sulla birra avvenuto all’inizio del 2015 e del quale i consumatori non sembrano però del tutto consapevoli.

La protesta di AssoBirra, l’Associazione degli industriali della birra e del malto, si è nei giorni scorsi trasferita nelle strade, precisamente in un luogo simbolo delle istituzioni come piazza Montecitorio a Roma dove, con una buona dose di amara ironia i birrai hanno offerto ai passanti una limited edition molto particolare: “FiscAle – la birra che paghi due volte“.

E non è un caso che Assobirra si sia rivolta direttamente ai cittadini che, stando alle ultime ricerche sembra non siano pienamente a conoscenza della tassazione su questo prodotto. Soltanto il 27% degli italiani, infatti, sa che le accise vengono applicate alle bevande alcoliche, mentre quasi nessuno (il 5%) sa di pagarle quando beve una birra. In pratica 9 italiani su 10 – sottolinea Assobirra – quando assaporano una birra non sanno che su di loro incombono le accise.

Per 7 italiani su 10 le accise sono “una tassa nascosta”, che spesso il cittadino non conosce nemmeno. Anzi, il 64% del campione pensa che siano “un modo semplice, per lo Stato, di fare cassa senza risolvere i problemi”. «La birra ha visto aumentare in 15 mesi del 30% le accise e per rispondere a questo aumento abbiamo lanciato la campagna “Salva la Tua Birra” e raccolto in pochi mesi oltre 115mila firme di persone che hanno detto “no” a questa ingiusta decisione», osserva Alberto Frausin, presidente di Assobirra.

Una strategia che dopo l’ultimo aumento delle accise ha conosciuto un’ulteriore evoluzione: «Ci siamo chiesti quanto le persone sapessero delle accise – prosegue Frausin – e i risultati Doxa sono stati inequivocabili. Oltre a non sapere che la birra paga le accise, 8 persone su 10 immaginano che l’incidenza delle tasse sulla birra sia al di sotto del 50%, mentre oggi 1 sorso su 2 della nostra birra se lo beve il fisco. Anche per questo abbiamo deciso di sostenere la nostra campagna con l’hashtag #rivogliolamiabirra, con l’obiettivo di ridare slancio alla nostra battaglia per far ridurre questa tassa tanto odiata».

www.puntarellarossa.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yoga, il metodo per staccare la mente

next
Articolo Successivo

Viaggi: alla scoperta dell’Aja – II

next