Racconta l’interesse dell’arte nei confronti del cibo attraverso i diversi periodi storici e si inserisce tra gli eventi targati Expo 2015: “Il cibo nell’arte. Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol” aprirà a Brescia sabato 24 gennaio e sarà visitabile fino al 14 giugno.

Oltre un centinaio le opere esposte a Palazzo Martinengo: la mostra, a cura di Davide Dotti, abbraccia il tema principale dell’esposizione universale, “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. L’Italia è narrata qui attraverso le opere d’arte che ne mostrano la tradizione gastronomica, dal Barocco al Rococò, dal Romanticismo ottocentesco alle avanguardie del Ventesimo secolo. Una mostra mai realizzata prima in Italia, suddivisa in dieci sezioni tematiche che abbracciano quattro secoli di storia: L’allegoria dei cinque sensi, Mercati dispense e cucine, La frutta, La verdura, Pesci e crostacei, Selvaggina da pelo e da penna, Carne salumi e formaggi, Dolci vino e liquori, Tavole imbandite, Il cibo nell’arte del XX secolo.

Campi, Baschenis, Magritte, de Chirico, Fontana, Lichtenstein, Andy Warhol sono alcuni dei maestri le cui opere esposte a Brescia contengono significative rappresentazioni iconografiche del cibo. Tra le opere che si potranno ammirare, i Mangiatori di ricotta di Vincenzo Campi, L’Ultima Cena di Andy Warhol e il Piatto di pesche di Ambrogio Figino, la prima natura morta della Storia dell’Arte italiana; inoltre sarà esposta l’installazione Piramide Alimentare, realizzata per l’occasione da Paola Nizzoli.

Oltre a godere della bellezza dell’esposizione, i visitatori avranno la possibilità – sono coinvolte in questo aspetto alcune università italiane – di informarsi su alimenti e gusti delle varie epoche considerate nella mostra bresciana. Tra le attività collaterali, i laboratori didattici per bambini e un concorso a premi rivolto agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, nel quale i ragazzi si cimenteranno in un lavoro artistico che abbia come tema il cibo.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Birra amara: nuovo aumento delle accise, il terzo in 15 mesi

prev
Articolo Successivo

Firenze, è di moda lo “slunch”: menu rovesciati, dal dolce all’antipasto

next