Lo sapevate che l’antenato della Nutella non si spalmava sul pane bensì si tagliava a fette? Lo scopo era lo stesso e il matrimonio uno dei più azzeccati. Ma nel 1946 il Giandujot, o Pasta gianduja, aveva ancora la forma del cioccolato più tradizionale. La rivoluzione della crema vegetale in barattolo arriva nel 1951 con la Supercrema, mentre per il cambio dell’etichetta e del nome nel più fortunato Nutella bisogna aspettare il 1963 e l’intuizione di Michele Ferrero, figlio di Pietro, che decide di commercializzare il prodotto in tutta Europa. Il primo barattolo di Nutella (da “nut”, noce o nocciola, e il suffisso italiano “-ella”) risale a mezzo secolo fa, era il 1964 – “data di nascita” ufficiale, il 20 aprile – un compleanno da festeggiare in grande stile.

Per i cinquant’anni di Nutella, simbolo del made in Italy e icona della Ferrero, sabato 17 e domenica 18 maggio 2014 si tiene il Nutella Day, un evento mondiale che comprende appuntamenti, degustazioni e concerti ai quali faranno da sfondo diverse città, a partire da Alba (Cuneo), il luogo che ha dato i natali alla crema spalmabile che identifica la nostra gastronomia al pari della pizza e degli spaghetti al pomodoro. Lo conferma, fra l’altro, la recente presenza negli Stati Uniti di ben due “Nutella Bar”, all’interno degli store di Eataly a Chicago e New York. Luoghi dove la famosa merenda italiana viene declinata in tante golose versioni: non solo pane e Nutella, ma anche crepes, fagottini, brioches.

Il cinquantesimo compleanno di Nutella viene ricordato anche con un singolare francobollo da 70 centesimi emesso da Poste Italiane, con le due date (1964-2014) e impressa l’immagine del barattolo più famoso del made in Italy. A celebrare le 250mila tonnellate vendute ogni anno in 75 paesi diversi, anche una serie di eventi di piazza, dalla “Nutella cantata” da tre voci soliste e orchestra da camera nella chiesa di San Domenico, sabato ad Alba, fino al concerto di Mika, domenica, in piazza del Plebiscito a Napoli, che chiuderà una giornata di esibizioni musicali alternate a momenti animati da radio RDS. Le cinquanta candeline si spengono anche in Canada, Regno Unito, Polonia, Germania, Francia, Russia ed Emirati Arabi, fra maxi colazioni, flash mob, eventi musicali e concorsi a premi.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Street food selfie”, l’autoscatto per viaggiatori buongustai

prev
Articolo Successivo

Videogiochi, il decennio delle meraviglie

next