E’ online l’applicazione del Sistema Operativo del M5S che permette agli iscritti certificati entro il 30 giugno 2013 di discutere on line le proposte di legge di iniziativa parlamentare. Ad annunciarlo è stato lo stesso Beppe Grillo, in conferenza stampa a Palazzo Madama.


Dopo le polemiche sui ritardi della presentazione degli strumenti per la democrazia diretta, il leader del Movimento 5 Stelle annuncia l’arrivo dell’applicazione per la partecipazione dal basso. Un primo passo per quella partecipazione a lungo promessa. “E’ un sistema semplice”, ha spiegato. Ancora non è possibile proporre nuove leggi e non è stata illustrato il sistema di policy, ovvero chi decide gli argomenti da discutere. “Sarà il secondo passo che elaboreremo”.

“La prima che verrà discussa e utilizzata come test – si legge sul blog di Grillo – è quella relativa alle ‘Disposizioni volte alla abolizione del finanziamento pubblico all’editoria’. Il funzionamento dell’applicazione è semplice. Il primo firmatario della proposta inserisce il testo di legge e determina un periodo di tempo per la sua discussione online. Gli iscritti possono intervenire indicando integrazioni, modifiche, obiezioni, suggerimenti o vizi di forma e votare gli interventi degli altri utenti. Il primo firmatario è incaricato di rispondere agli interventi qualora lo ritenga necessario e accogliere o meno le richieste presenti negli interventi durante il periodo di tempo stabilito per la discussione. Al termine di esso la legge, grazie agli interventi degli iscritti, avrà subito integrazioni, modifiche, tagli o sarà rimasta invariata. Quanto avvenuto sarà formalmente espresso dal primo firmatario nella ‘Relazione di chiusura‘. Al termine del processo la proposta di legge viene ufficialmente depositata in Parlamento. L’applicazione – sottolinea il blog – è in fase di test: segnalateci bug e malfunzionamenti, suggeriteci possibili miglioramenti, inviateci i vostri pareri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Alto Adige 2013, Svp al 45%. Vince il centrosinistra anche in Trentino

next
Articolo Successivo

Pd, Livorno: la culla del Pci litiga sulle tessere: “Iscrizioni sospette a stranieri”

next