“L’apertura del nuovo blocco aule del campus di Forlì è confermata al 2014 al fine di consentire il corretto svolgimento delle attività didattiche a partire dal prossimo anno accademico”. E’ quanto chiarisce l’Universita’ di Bologna, precisando che contemporaneamente alla consegna delle nuove aule è prevista, da parte dei soggetti esecutori (Comune di Forli’ ed ER.GO), la consegna della mensa. “Università e Comune – spiega ancora l’Alma Mater – stanno definendo in questi giorni un nuovo accordo che prevede ulteriori investimenti, aggiuntivi a quelli oggi in essere, per 3,5 milioni di euro di cui 1,8 milioni a carico dell’Ateno e 1,7 milioni a carico del Comune”.

Grazie a questo nuovo e ulteriore impegno finanziario sarà possibile consegnare, oltre al predetto blocco aule, anche la parte centrale del padiglione Sauli Saffi che consentirà il completo insediamento di tutte le attività didattiche oggi ospitate presso Palazzo Becchi e Palazzo Montanari. L’unica opera attualmente non finanziata è il completamento del recupero dell’intero Padiglione Sauli Saffi, un intervento che consentirebbe di completare anche l’insediamento delle attività di ricerca e gli spazi per i docenti. L’Ateneo, conclude la nota, “sta lavorando per reperire le risorse necessarie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Web Tv, torna il Roxy Bar di Red Ronnie: “Inviterò anche Renzi e Letta”

prev
Articolo Successivo

Aeroporto di Rimini, indagati sindaco e presidente della Provincia Pd

next