Prendete una buona miscela di orzo, malto, luppolo e lievito, aggiungeteci acqua di fonte e lavoratela in un’azienda ecosostenibile. Come se non bastasse, creategli una grafica giovane e un sistema di promozione all’avanguardia. Non dimenticate chiaramente la qualità e ricercatezza del gusto. Ecco a voi la nuova birra Toz. Nata nelle valli friulane, più precisamente nei pressi di Cividale, questa bionda esprime da subito le sue qualità.

Presente in due versioni, la Toz e la Easy (più leggera), nasce da un’idea di Marco Zorzettig, già proprietario della celebre cantina di vini ‘La Tonella’. La bionda prende ispirazione dal mondo del fumetto, ben riconoscibile nell’etichetta, che raffigura un uomo paffuto in sella al suo motorino rosso. A fornire l’ispirazione, un abitante del loro paese: buffo, ma amato da tutti, famoso per andare a prendere birra al bar sullo scooter. L’immagine ha fatto presa, e da allora è diventata il simbolo della bevanda.

Grafica accattivante, un gusto che piace ai giovani e infine la promozione dei due prodotti, che è stata curata in modo originale. Da una parte un sito internet, dall’altra un concorso a premi dal cellulare. Come funziona? Semplice, una volta acquistata la birra si gratta la linguetta grigia posta dietro l’etichetta e si scannerizza il QR code con il proprio smartphone. Si vedrà subito se si ha vinto. In palio soggiorni in Friuli, caschi, t-shirt e un motorino, rigorosamente rosso e brandizzato Toz.

Grafica e web contest a parte, la bionda di Cividale è soprattutto un prodotto di qualità, fatta con ingrediente selezionati. Toz è una birra artigianale non pastorizzata e non filtrata. L’originale è una birra bionda ad alta fermentazione dal colore giallo intenso con riflessi aranciati, al naso frutta e agrumi, al palato trasmette freschezza e facilità di bevuta (gradazione 4,8 gradi).

Più delicata, invece, Easy, bionda dallo spiccato carattere frizzante e rigenerante (4 gradi), colore giallo carico con una schiuma cremosa. Al naso note di orzo appena raccolto quasi erbaceo. Al palato rilascia una spiccata speziatura, quasi tabacco, che solletica la lingua e dona una forte sensazione dissetante. Insomma, un’ottima bionda per l’estate.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gelato artigianale: una guida per riconoscere quello di qualità

next
Articolo Successivo

I migliori ristoranti del mondo: nella top ten l’Italia è terza

next