L’esame basato sul test del sangue materno per la diagnosi della Sindrome di Down nel feto, di recente presentato dai ricercatori del King’s College di Londra, è “interessante ma ancora troppo incerto”, e pertanto “non deve essere consigliato come screening di prima scelta, esistendo i test combinati, sperimentati, riconosciuti, diffusi e, ad oggi, ritenuti più attendibili”.

E’ questa la posizione unanime assunta da varie società scientifiche internazionali, tra le quali la Società Italiana Diagnosi Prenatale e Medicina Materna Fetale (Sidip), la Società Internazionale di Diagnosi Prenatale (ISPD), l’American College of Medical Genetics and Genomics (ACMG), l’American College of Obstetricians and Gynecologists Committee on Genetics (ACOGG), il California Technology Assessment Forum (CTAF).

“Da alcuni anni gli studiosi tentano di isolare, dal sangue materno, tracce di Dna fetale allo scopo di rilevare l’eventuale presenza di un feto portatore di sindrome di Down – afferma Claudio Giorlandino, segretario generale Sidip -. Attualmente, tutta la letteratura internazionale e le attuali Linee Guida sono però contrarie all’utilizzo di tale screening a fini clinico-diagnostici, nella popolazione generale. Si tratta infatti di test estremamente interessanti ma confinati, ancora, nell’ambito della ricerca e che presentano aspetti troppo incerti per essere traghettati nell’ambito diagnostico”.

Oggi gli unici test di screening “accreditati, ancorchè con i limiti noti, sono quelli combinati basati sulla Translucenza nucale e sulle proteine placentari – aggiunge Giorlandino – e gli unici test diagnostici rimangono la villocentesi e l’amniocentesi, che attualmente risultano comportare un rischio di aborto pari a quello della popolazione generale che non si sottopone a questo tipo di diagnosi prenatale”. Dunque, raccomandano le società scientifiche, l’impiego routinario e diagnostico dei test basati sulla ricerca del Dna fetale nel sangue materno “non può essere ancora proposto come test di prima scelta. E nel caso in cui venga richiesto, è doveroso fornire una informazione dettagliata ed esplicita sui suoi limiti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cancro, racconti del camice bianco – Non prenda impegni

prev
Articolo Successivo

Malattie rare, network europeo per diagnosi e ricerca: “Bisogna saper fare rete”

next