“A Catania abbiamo pagato degli errori e gli elettori che non sono stupidi ci hanno punito. Quindi andrà fatta una riflessione seria e accurata alla ricerca delle responsabilità”. Così il senatore del Movimento 5 Stelle Mario Michele Giarrusso commenta l’esito delle elezioni spiegando che “gli errori che ci sono e sono evidentissime” li riferirà nelle sedi opportune. Giarrusso attacca però il neo sindaco di Catania. “Di Bianco – dice -sappiamo per certo che lui sottobanco ha trattato con il Pdl, tanto è vero che Berlusconi è venuto a Catania a sostenere il suo presunto candidato. Quindi – prosegue – Bianco pensi a fare dei catanesi e non del Pdl e men che mai dei poteri forti che allungano le mani sulla città”. Nei confronti del M5S il senatore 5 Stelle spiega che c’è “un delirio diffamatorio” e di essersi rivolto ai legali perché “soprattutto l’Ansa – sottolinea Giarrusso – ha condito la notizia con altre ancora più gravi, infamanti, false e tendenziose e ne risponderà davanti ai giudici”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morra (M5S): “Il problema non sono i toni di Grillo, è stata una crisi di crescita”

next
Articolo Successivo

Roma, il sindaco Marino: ‘Stop alla cultura del privilegio e degli amici degli amici’

next