Questa tournée non s’ha da fare. O almeno qualche piccolo problema ce l’ha. Il tour del nuovo album, Come in cielo così in guerra, firmato magistralmente da Cristiano De André subisce diversi stop che colpiscono principalmente le date in Emilia Romagna. Tant’è che se già la tappa al 105 stadium di Rimini è stata spostata di oltre un mese (nuova data il 18 maggio – valgono i biglietti già acquistati) ora tocca a quella del 14 aprile 2013 al Teatro Europauditorium di Bologna. 

Storica arena al coperto che solo per citare uno dei live più incredibili del 2012 ha ospitato un monumentale Paolo Conte, non potrà fregiarsi della presenza di De André che, come comunicato dal suo ufficio stampa, International Music and Arts, rimanda la data del concerto bolognese  al 13 gennaio 2014. La motivazione ufficiale è per “inderogabili impegni promozionali per l’uscita del nuovo album”, che però è l’album stesso che verrebbe proposto dal vivo. 

Oltre a Rimini e Bologna, anche la data di Avellino (prevista per il 10 aprile) era stata rimandata a data da destinarsi con tanto di rimborso e quindi senza giorno sostitutivo; come quella di Brescia prevista per il 12 aprile, posticipata all’8 maggio. Il tour di De André è partito il 27 marzo da Assisi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, colpo di mano nel meet up di Bologna: lo gestirà una sola consigliera

prev
Articolo Successivo

Mosaico Film Fest 2013, il meglio del cinema d’Europa a Ravenna

next