Armato di coltello, si è barricato negli uffici dell’Acer di via Costituzione a Reggio Emilia tenendo sotto sequestro il direttore. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo radiomobile di Reggio Emilia e del Nucleo investigativo del comando provinciale. L’uomo è stato poi bloccato e disarmato dai militari. Dalle prime informazioni risulta che il direttore dell’Acer non e’ stato ferito.

Il sequestratore, 57enne, italiano, residente negli alloggi Erp a San Polo, si è presentato questa mattina come un qualsiasi utente Acer. Giunto nella sede ha ritirato il biglietto attendendo il suo turno. Una volta entrato nell’ufficio di Bonacini ha estratto la lama facendo scattare l’allarma lanciato al 118 dai dipendenti dell’Acer. Dopo essere stato disarmato e’ stato condotto nella caserma del comando provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia dove i carabinieri stanno cercando ricostruire l’accaduto e capire i motivi del grave gesto. Il coltello in possesso dell’uomo era lungo 30 centimetri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gruppi (Cgil): “Per Sala Borsa nessun accordo preconfezionato”

next
Articolo Successivo

Piacenza, la rabbia dei facchini in piazza: “Stipendi da fame, trattati come schiavi”

next