Il presidente della provincia di Milano Guido Podestà dovrà affrontare un processo per la vicenda delle firme false. Lo ha deciso il gup di Milano Stefania Donadeo, rinviando a giudizio Podestà con l’accusa di falso ideologico, in relazione alla presunta falsità di 926 firme che sarebbero state poste a sostegno del listino di Roberto Formigoni e della lista del Pdl per le elezioni regionali del 2010. Con Podestà, al tempo coordinatore regionale del Pdl, sono state rinviate a giudizio altre quattro persone e la prima udienza del processo sarà celebrata il prossimo 4 marzo davanti alla quarta sezione penale.

Secondo l’accusa Podestà sarebbe stato il “promotore” della presunta falsificazione delle firme, servite a far concorrere alle regionali di due anni fa la lista ‘Per la Lombardia’ di Formigoni e quella del Pdl per la circoscrizione provinciale milanese. A chiedere il rinvio a giudizio è stato il pubblico ministero di Milano Alfredo Robledo. Un’altra udienza invece è già fissata per il prossimo 8 gennaio, data in cui il gup Donadeo deciderà invece su quattro richieste di patteggiamento, tra cui quella di Clotilde Strada e su un rito abbreviato. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diffamazione di Veronica Lario, Busi assolto a Monza: “Il fatto non sussiste”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Ingroia a Bersani: “Berlusconi nefasto, via le leggi ad personam”

next