I carabinieri di Parma, incollaborazione con i colleghi di Melito (Napoli), hanno arrestato Graziano Acampa, 48 anni, latitante. L’uomo, residente a Collecchio nel Parmense, è coinvolto nell’omicidio di Raffaele Guarino, il camorrista ucciso a Medesano (Parma) a colpi di pistola nell’ottobre del 2010. Acampa è accusato di concorso in omicidio avendo fornito a Mario Illuminato la pistola calibro 7,65 utilizzata per il delitto. Pistola di cui poi si sarebbe disfatto distruggendola.

I carabinieri del reparto operativo, coordinati dalla Pm Roberta Licci, sono convinti di essere riusciti a ricostruire un altro tassello del delitto anche se l’inchiesta non sembra ancora conclusa. Per il momento, accusati di omicidio premeditato in concorso sono Mario Illuminato e Massimiliano Sinatra, attualmente detenuti. I due sono legati a clan camorristici antagonisti a quello dell’ucciso, anche se il movente dell’omicidio va cercato in una relazione sentimentale con una donna che coinvolgeva Guarino e Illuminato e nella necessità, da parte degli arrestati, di tenere Guarino lontano dagli affari della famiglia Illuminato nel parmense.

Secondo i carabinieri, Acampa avrebbe cercato di vendere, senza riuscirci, il Rolex prelevato in casa dell’ucciso la notte dell’omicidio. Acampa è stato arrestato a Melito dove si era rifugiato dopo l’ordine di cattura a suo nome. Guarino è stato freddato nel sonno con alcuni colpi di pistola alla testa. Per complicità nella stessa vicenda, è finita in manette anche la figlia di 24 anni di Illuminato. La donna avrebbe cercato di far pervenire ad un killer un’arma che, nelle intenzioni, sarebbe dovuta servire per uccidere un testimone informato dei fatti legati all’omicidio Guarino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pdl caos, Forza Piacenza sostiene la Lega. Bondi: “Quel simbolo è da annullare”

prev
Articolo Successivo

Magneti Marelli, la Fiom rientra tra i veleni: “Cisl e Uil sono complici dell’azienda”

next