I finanzieri di Milano stanno eseguendo una serie di perquisizioni – a Roma, Milano e Bologna – anche a carico di Massimo Ponzellini, l’ex presidente della Bpm, nell’ambito di un’inchiesta dei pm di Milano Pellicano e Clerici per i reati di ostacolo all’attività di vigilanza di Bankitalia e associazione per delinquere.

Le indagini, che nascono da un rapporto ispettivo di Banca d’Italia, riguardano un finanziamento da 148 milioni di euro alla società Atlantis, attiva nel gioco d’azzardo, che secondo gli inquirenti sarebbe venuto in violazione delle norme anti-riciclaggio. La Banca Popolare di Milano, secondo la Procura, che nei giorni scorsi aveva ordinato anche il sequestro di documenti, avrebbe concesso il finanziamento malgrado Atlantis faccia capo a una società off-shore. E a perorare la concessione del credito, sempre secondo l’accusa, sarebbe stato proprio Ponzellini. Inoltre, gli inquirenti stanno facendo accertamenti su una gara, aperta dai monopoli di Stato, e poi vinta da Atlantis, che potrebbe essere stata condizionata e legata alla vicenda del finanziamento da parte di Bpm.

I militari della Gdf stanno eseguendo nove perquisizioni in abitazioni private e sedi società a Roma, Milano e Bologna. In particolar modo nel capoluogo emiliano è stato perquisito uno studio di commercialisti che risulta collaborare con Ponzellini. Gli investigatori stanno cercando elementi utili riguardo i reati di ostacolo alle funzioni di vigilanza e associazione per delinquere.

(d.t.)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Santa Insolvenza, il tour di protesta dalla stazione al Recruiting Day (gallery)

prev
Articolo Successivo

“I giudici influenzati dai media”: annullata la condanna a uno dei pusher di Pantani

next