“Io scappo su Saturno per leggere la cultura”. Isabella Ferrari è un’attrice particolarmente intensa, come poche nel panorama italiano. In questo momento è in tournée teatrale con “Il catalogo” di Jean Claude Carrire, commedia diretta da Valerio Binasco e interpretata con Ennio Fantastichini. Il 13 febbraio è stata una delle testimonial della manifestazione Se non ora quando: “Non mi piace entrare nella logica che ognuno dice la sua e tutto finisce in piazza. Posso soltanto dire – ha detto la Ferrari – che in Italia si fa sempre di più un uso propagandistico e superficiale della donna. Io non voglio mettere al rogo la bellezza, uno può essere bello ma anche pensante, però l’immagine delle ragazzine che ne viene fuori oggi è spaventosa”. Lettrice appassionata de Il Fatto Quotidiano ha voluto partecipare al lancio dell’inserto culturale ‘Saturno’ diretto da Riccardo Chiaberge. Ogni settimana otto pagine di libri, arti, cinema, scienze. In edicola a partire dal 25 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lampedusa, in 30 metri quadrati dormono 22 migranti

prev
Articolo Successivo

Benigni, boom di ascolti a Sanremo

next