Non solo sfilatini e focacce nell’antica panetteria di San Demetrio Corone, in provincia di Cosenza. Nella bottega del comune del Cosentino si depositava e conservava anche droga. Proprio nello stesso forno in cui venivano cotte le pagnotte.

Il titolare dell’attività – un 41enne che l’aveva ricevuta dai genitori, i quali l’avevano rilevata proprio per lui – aveva rivoluzionato il locale a suo piacimento. Aveva costruito un articolato sistema di nicchie, ricavate all’interno e dietro il forno, in cui poter depositare la marijuana. Che poi veniva confezionata all’interno della bottega. I carabinieri, che hanno condotto le indagini coordinati dal pm Simona Manera, hanno sequestrato circa 1,4 kg di “erba”. Diverse persone sono state arrestate e condotte in carcere e altre sono state messe ai domiciliari. Gli uomini dei Nas stanno accertando le violazioni igienico-sanitarie emerse.

In seguito alle misure di custodia cautelare, convalidate dal gip di Castrovillari, alcune delle persone coinvolte hanno tentato di incendiare le auto di carabinieri, “colpevoli” di aver effettuato gli arresti in flagranza.