È grande come una casa e si avvicina rapidamente alla Terra. L‘asteroide 2012 TC4 il prossimo 12 ottobre “sfiorerà” il nostro pianeta alla distanza di sicurezza 44.000 chilometri. Il piccolo sasso spaziale, dal diametro compreso fra 15 e 30 metri, viaggia attualmente alla velocità di 30mila chilometri orari, e passerà a una distanza pari a un nono della distanza tra Terra e Luna.

Se fortunatamente è troppo lontano per rappresentare un pericolo, è comunque abbastanza vicino per offrire agli astronomi un’ottima opportunità per testare il coordinamento internazionale di monitoraggio degli oggetti celesti che orbitano pericolosamente vicino alla Terra, i cosiddetti Neo (Near Earth Objects). L’asteroide 2012 TC4 venne avvistato per la prima volta dall’osservatorio Pan-STARRS delle Hawaii. Poi, per colpa della sua orbita, gli astronomi lo persero di vista, non riuscendo così a prevedere di quanto si sarebbe avvicinato. Ma recentemente è stato di nuovo individuato dal Very Large Telescope (Vlt) in Cile.