L’uragano Irma si è abbattuto sulla Florida con venti fino a 210 chilometri orari prima di essere declassato a categoria 3, quella che comprende i cicloni con venti non oltre 195 chilometri all’ora. Dopo aver colpito le Keys, le isole più a sud delle Florida, Irma si trova ora a 56 km a sud di Naples. L’allerta riguarda 36 milioni di persone. Irma ha cambiato tragitto e minaccia principalmente la costa ovest della Florida, dove si teme anche per l’innalzamento del livello del mare. Oltre un milione di persone sono rimaste senza elettricità.

Secondo quanto riportato da Abc News, poco dopo l’impatto della perturbazione sullo Stato americano un uomo è morto nella contea di Monroe, che comprende Key West, per aver perso il controllo del furgone mentre stava trasportando un generatore. Altre due persone sono invece rimaste vittime di in un incidente stradale dovuto alle condizioni atmosferiche nella contea di Hardee. La parte settentrionale dell’occhio dell’uragano, ovvero l’anello di temporali in cui avvengono i fenomeni più forti della perturbazione, ha toccato le isole Keys alle 9.10 del mattino locali.

A Miami ci sono raffiche di vento alla velocità di 100 miglia orarie e la situazione meteorologica sta rapidamente peggiorando, stando a quanto riferisce la Cnn sul posto. Sta già salendo il livello dell’acqua e alcune strade sono già sommerse: si teme per il forte vento e per le inondazioni. Ma Irma costituisce ora una grave minaccia soprattutto per la costa ovest e quindi per le città di Fort Myers, St. Petersburg e Tampa. È quanto afferma il capo dell’agenzia federale Fema per la gestione delle emergenze, sottolineando che l’uragano sta portando allerte tornado. “Questo è lo scenario peggiore per la contea di Monroe, le Florida Keys e la costa ovest”, ha dichiarato Brock Long a Fox News Sunday.  

L’innalzamento del livello del mare preoccupa anche il governatore della Florida, Rick Scott. “Sono molto preoccupato per la costa ovest – ha dichiarato alle tv americane – questo anomalo innalzamento dell’acqua è semplicemente mortale. La cosa più importante è che si preghi per noi“. Il governatore Scott ha raccomandato di “rimanere in casa e aspettare l’autorizzazione delle autorità prima di uscire”. Nella zona sud-ovest della Florida si stanno formando dei tornado: “I venti sono fortissimi e pericolosissimi, vi possono uccidere“, ha avvertito Scott. Nella contea di Manatee è stato dichiarato il coprifuoco dalle 15 di domenica (le 21 italiane) alle 15 di lunedì. A St. Petersburg il coprifuoco comincia alle 17 locali, mentre a Tampa nessuno può uscire di casa dalle 18 (mezzanotte in Italia).

E mentre Irma prosegue la sua corsa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto agli americani di lasciare i luoghi lungo i quali è previsto il passaggio della perturbazione, senza preoccuparsi delle cose materiali. Gli oggetti si possono rimpiazzare ma le vite no, ha detto Trump intervenendo sull’argomento a Camp David dove è riunito con i membri del suo governo. Il numero uno della Casa Bianca ha poi scritto su twitter: “La Guardia Costiera americana, Fema (l’ente federale per la gestione delle emergenze, ndr) e tutte le persone coraggiose federali e statali sono pronte. Irma sta arrivando. Dio benedica tutti“.

Una gru è caduta su un edificio in costruzione nel centro di Miami a causa dei forti venti portati dall’uragano. Non ci sono feriti, secondo quanto ha riferito l’amministratore generale di Miami, Daniel Alfonso, citato dal Washington Post. Le gru erano già state motivo di preoccupazione nei giorni precedenti l’arrivo dell’uragano, ma le autorità hanno deciso di non rimuovere le circa 25 che ci sono in città perché, hanno fatto sapere, non c’era il tempo sufficiente dal momento che sarebbero state necessarie due settimane. Le gru sono progettate per sopportare venti fino a 233 chilometri all’ora, per cui le autorità hanno invitato i cittadini che vivono vicino ad abbandonare le proprie case se Irma diventerà nuovamente di categoria 5.

Sono circa 127mila le persone in Florida che hanno trovato rifugio negli oltre 500 centri di accoglienza allestiti nello Stato. Nel frattempo, le autorità locali hanno raccolto oltre tre milioni di litri di acqua, riempito 67 camion con i pasti, e recuperato 24mila tendoni. Ed hanno chiesto al governo federale 11 milioni di pasti in più e altri milioni di litri di acqua. Sono invece circa 7 milioni gli sfollati che in questi giorni hanno lasciato lo Stato Americano, di cui gli ultimi 700mila proprio sabato. Una donna è riuscita a partorire la sua bambina in casa dopo che, a causa delle intemperie provocare dall’imminente arrivo dell’uragano Irma, i vigili del fuoco non avevano fatto in tempo ad intervenire per portarla in ospedale. I medici le hanno dato istruzioni via internet e solo stamattina i soccorsi sono riusciti a raggiungere la donna e trasportarla in ospedale.

L’evacuazione da Portorico – Il governo del Portorico, nel frattempo, in collaborazione con il Dipartimento di Salute degli Stati Uniti, è riuscito a trasferire oggi circa 600 cittadini statunitensi dalle isole di San Martín e San Tomás, dopo i danni causati dall’uragano Irma e dalla minaccia del ciclone José. Il governatore portoricano Ricardo Rossellò, ha affermato che “il governo ha risposto a questa chiamata non solo come segno di solidarietà, ma perché, come territorio americano, l’isola è il punto più vicino per gli sforzi immediati di risposta in questa emergenza”. Tra i soggetti trasferiti sono cinque dei 15 studenti medici portoricani che studiano a San Martin e tre altri portoricani, ha riferito La Fortaleza, sede dell’esecutivo.

A Cuba si contano i danni – E in attesa che arrivi anche il ciclone Josè, dunque, sono i danni causati da Irma che si conteggiano. A Cuba l’uragano se n’è andato sabato notte dopo aver provocato guasti alla rete elettrica “a livello nazionale“, con gran parte dell’isola, inclusa L’Avana, che rimane ancora al buio. Lo rendono noto media ufficiali, che riferiscono di una riunione per esaminare l’emergenza presieduta da Raul Castro. “L’impatto di Irma sull’infrastruttura elettrica è stato molto forte in quasi tutto il Paese”, viene precisato. “Proprio la forza dell’uragano – aggiungono – rende impossibile concentrare le brigate specializzate nelle linee elettriche in una zona determinata”.

Per il momento sull’isola non ci sono notizie di vittime. Il colonnello Luis Angel Macareno ha detto che la capitale, dove l’acqua è entrata per circa 600 metri, dovrebbe rimanere allagata per circa 36 ore. Sabato davanti alle coste nordoccidentali cubane si sono registrate onde alte fino a nove metri. Oltre 5.000 turisti sono stati evacuati dagli isolotti che sorgono davanti alla costa nord di Cuba (tra cui Cayo Romano e Cayo Coco), dove negli ultimi anni il governo ha costruito decine di resort.