Si lavora senza sosta a Livorno per liberare le strade dal fango, dopo il violento nubifragio che si è abbattuto sulla città nella notte, causando 7 morti e un disperso. Il sindaco Filippo Nogarin, in una nota, ha raccomandato alla popolazione di “non recarsi nelle zone della città maggiormente interessate dai fenomeni onde consentire il più agevole e possibile svolgimento degli interventi di soccorso: zona di Montenero, Collinaia, Quercianella e Stagno”. Inoltre, “è stato elevato al massimo il livello di criticità anche perché lo stato di emergenza non è superato”. Nella stessa nota si dice poi che la notte scorsa “tra le 2 e le 4 sono caduti sulla città di Livonro oltre 250 mm di pioggia. Un forte nubifragio che ha comportato l’esondazione di fiumi e rii travolgendo la città”. Ancora, “è stata attivata la sala operativa provinciale dove è intervenuta anche la Protezione Civile della Regione Toscana e dove si è costituito un Centro Coordinamento Soccorsi della Prefettura in seduta permanente alla presenza del Sindaco”.