Ha ucciso il compagno con un coltello da cucina dopo una lite. È successo la notte scorsa ad Ambrogio di Copparo, in provincia Ferrara. L’omicidio è avvenuto al termine di una giornata trascorsa al mare, a Lido delle Nazioni, e proseguita con la visione in tv della finale di Champions League. La coppia aveva una figlia di 3 anni e con loro viveva una quindicenne avuta dalla donna da una precedente relazione. I due lavoravano e non avevano, secondo i primi riscontri, problemi economici, ma i militari erano già dovuti intervenire per litigi e minacce.

Al rientro a casa la coppia ha iniziato a litigare. La donna, 45 anni, è scesa di corsa dall’auto e, entrata in casa, ha preso la lama. Il primo a prestare soccorso è stato il fidanzato della figlia quindicenne, che ha tentato di rianimare l’uomo e di tamponare le ferite con la maglietta della Juventus indossata dalla vittima. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Copparo e il 118. La donna è stata arrestata, i soccorsi prestati all’uomo sono stati inutili. “Un caso di violenza intrafamiliare da parte di una donna che, presa da un raptus ancora in corso di accertamento, ha inferto diversi fendenti al compagno a seguito di litigi, che – spiega il colonnello Andrea Desideri, comandante provinciale dei Carabinieri di Ferrara – comunque andavano avanti da diverso tempo, provocando la sua morte nell’immediatezza”.