Il leghista della prima ora entra nel centro profughi col martello. Nessuna violenza: era un corso di formazione (pagato dalla Regione) che gli porterà in tasca 4mila euro oltre Iva. Protagonista l’assessore con delega alla sicurezza di Cividale Elia Miani, ex numero due del Carroccio in Friuli Venezia Giulia che non ha mai nascosto il suo orientamento in fatto di immigrati, tanto da firmare una petizione per impedirne l’accoglienza in un’ex caserma del suo Comune. Miani però ha anche un altro lavoro. E’ titolare di una piccola impresa edile e nei panni del mastro carpentiere, pochi mesi dopo quella firma, tiene un corso per l’avviamento al lavoro dei profughi  alla caserma Caverzarani di Udine. Un corso organizzato da Confartigianato di Udine, pagato con un fondo regionale da 70mila euro. La notizia fa capolino dal sito locale ilperbenista.it, qualcuno commenta sarcastico che “i soldi non hanno colore”, “altro che aiutarli a casa loro”, “lo sceriffo leghista con il portafoglio a sinistra”.

Sull’origine della storia le versioni divergono. “E’ stata la Confartigianato a chiedermelo”, giura Miani che si profonde in dettagli come fossero attenuati: “Eravamo a una cerimonia per la ricorrenza di Santa Barbara protettrice degli scarpellini, c’erano il prefetto, il presidente degli artigiani e il nostro provinciale. Io per il comune. Spiegano l’iniziativa e questa opportunità di insegnamento e mi chiedono di dare una mano. Io ho detto di sì, era una cosa che dal punto di vista politico magari non condividevo ma perché no. Avendo tutti i miei dati loro mi hanno inserito e dopo due mesi, senza che neppure ci pensassi più, ero dentro”. Insomma, candidato a sua insaputa. O poco più.

Versione assai diversa per Confartigianato: “Quando la Regione ha approvato il nostro progetto di formazione è stato fatto un avviso di selezione pubblica online. Miani  – piega il segretario Luca Gortani  ha risposto a dicembre candidandosi per il ruolo di mastro artigiano perché titolare di una piccola impresa. Il fatto che abbia anche un impegno politico non era causa di esclusione né di preferenza. Ha appena cominciato”. Già, e chi lo dice ora a Salvini?

Miani si trova così a dover giustificare in qualche modo la scelta di scarpellare al fianco dei pakistani, a pagamento. “Che c’è di male? Come faccio a parlare di immigrazione se non tocco con mano il problema!”, dice. “Ho anche sentito il segretario Fedriga, mi appoggia. Che qualcuno del mio partito, anche dei vertici, s’azzardi a farmi le pulci per questa cosa, sono con la Lega dal 1992 e ho dato più di quel che ho preso. Poi a Cividale coi miei 330 voti non mi spaventa nessuno”. Tenta anche di accreditare che la mission della Confartigianato fosse quella di “controllare” quanto avviene in Caserma, ma viene ancora smentito.

Comunque sia anche l’epilogo è singolare, degno di Walt Disney. Miani all’età di 61 anni quasi si converte abiurando la fede dei fustigatori di razze non padane: “Chi dice che sono tutti delinquenti per partito preso dice una cazzata”. Quella firma contro i profughi in caserma? “Questa settimana ha cambiato la mia visione delle cose, mi ha fatto crescere anche umanamente. Questi qui fuggono da situazioni terribili, se sanno qualcosa di agricoltura è già tanto, se gli diamo un mestiere magari possono tornare a casa loro o andare altrove ma hanno un’alternativa. Forse non lo avrei detto prima, ma è una cosa giusta”. I quattromila euro? Finora non ho preso nulla e alla fine potrebbero esserci sorprese, io non ne ho bisogno altri sì”.