Debora Serracchiani, numero due del Pd e presidente di Regione è anche socia di uno studio legale che tra le altre cose ha scelto di difendere non gli operai ma il “padrone”, cioé la megacooperativa che alla fine di una lunga vertenza li ha licenziati. Scelta singolare, politicamente parlando, per chi è alla testa di un partito che già viene accusato di essersi dimenticato della difesa dei lavoratori. Qualcuno per quello studio adombra però anche il sospetto di un conflitto d’interesse su di lei. E allora tocca capire, perché lei è “la” Serracchiani, vicesegretario del Pd e governatore del Friuli Venezia Giulia.

Il fatto che sta attirando una certa attenzione è che a Udine da tempo se ne aggira un’altra, che di nome fa sempre Debora Serracchiani, è avvocato e ha lo studio al civico 57 di via Francesco Crispi, proprio di fronte al Tribunale. In realtà sono la stessa persona perché la prima Debora, quella che conosciamo come ligia osservante delle leggi qual è, all’inizio del mandato si è correttamente autosospesa dall’esercizio della pratica forense per non incorrere nell’incompatibilità di legge, ma ecco che quattro mesi dopo quell’altra le ha fatto il dispetto (o il favore) di aprire uno studio legale in pieno centro con targa dorata: è lo studio legale associato Lorenzo Gennari & Debora Serracchiani.

targa-serracchianiUna scritta che può confondere il cittadino ma soprattutto lo sprovveduto cliente che si rivolgesse allo studio sperando mai di avere maggior tutela esibendo mandati, diffide, lettere di citazione e parcelle su carta intestata dell’altra Debora, incidentalmente presidente della Regione. E viceversa, in caso vicende legali nelle quali la Regione tocca palla finissero mai per essere trattate dallo studio della presidente. E ancora, se alcune scelte che in Regione si fanno avessero a che fare con quell’altra Debora, l’avvocato formalmente sospeso.

Il caso della doppia veste di “Debby”, va detto, non è nuovo. E’ stato anche oggetto di un’interrogazione in consiglio regionale e il fatto che non riceva risposta da oltre 500 giorni contribuisce a tener vivo il sospetto, soprattutto se il potenziale conflitto di interessi in capo alle due Serracchiani lascia sul terreno semi che germogliano. E’ successo, ad esempio, nel novembre 2015 con la nomina nel cda di Autovie Venete di Amedeo De Toma, classe 1966, avvocato con una riconosciuta esperienza nel settore giuslavoristico ma nessuna in quello dei trasporti. De Toma però, finché lei non si è sospesa dall’albo, è stato il socio di studio della Serrachiani. L’imbeccata arriva dal sito ilperbenista.it e il vicecapogruppo del Pdl in consiglio regionale deposita la sua interrogazione inevasa. Ma c’è di più.

Nello stesso studio Serracchiani-De Toma ha lavorato anche il socio attuale di Debora e consigliere comunale PD a Pagnacco, Lorenzo Gennari. Come lei è specializzato in diritto del lavoro, che esercita anche a difesa delle grandi cooperative contro le pretese dei lavoratori. “Certamente la informo delle attività dello studio che è anche suo – dice il socio della Serracchiani- ma da quando si è sospesa me ne occupo solo ed esclusivamente io: lei fa il governatore di questa regione e io l’avvocato”. Ed è vero che nella dichiarazione dei redditi della Serracchiani-presidente non figurano utili da attività libero professionali della Serracchiani-avvocato. Lo conferma il socio Gennari: “Dal notaio sono stati ben divisi oneri e onori dell’attività”. Il punto non sono i profitti, insistono i detrattori, ma l’opportunità stessa di tenere in piedi uno studio che grazie al suo nome può aumentare il portfolio clienti e a causa di quel nome creare situazioni opache. “Lo dico chiaramente”, puntualizza Gennari: “non spendo il suo nome in nessun ambito e se un cliente cerca qui un aggancio politico con l’onorevole sbaglia indirizzo”.

Ma non è escluso che possa capitare che le due Serracchiani finiscano per incontrarsi, anche involontariamente. Ed è puntualmente successo. A Udine ha sede una megacooperativa da 120 milioni di fatturato attiva nei servizi di pulizia per enti e ospedali di tutta Italia. Si chiama Euro&promos, ha circa 6mila dipendenti e molti appalti pubblici. Facile che capiti qualche grana sindacale. Nel 2014 si apre una crisi perché alcuni appalti vengono meno e l’azienda mette in cassa 140 lavoratori. Il 14 ottobre di quell’anno i delegati di Cgil, Cisl e Uil incontrano presso la sede nazionale di Legacoop il direttore del personale per tentare un accordo tra le parti. C’è anche l’avvocato che difende la cooperativa e – sorpresa – è proprio Lorenzo Gennari, il socio della Serracchiani.

Ora, il mondo degli avvocati del lavoro a Udine è davvero piccolo ma la città può contare su 580 civilisti. Perché Euro&promos sceglie proprio il socio di studio della Serracchiani? Tocca domandarlo all’imprenditore Sergio Bini, fondatore e presidente della cooperativa con un occhio sempre attento alla politica, in un tempo ormai lontanissimo come coordinatore dei giovani della DC, un domani non molto lontano come candidato indipendente alla poltrona della Serracchiani, alle regionali 2018. Bini è un tipo loquace ma sul fatto specifico gli si scuce ben poco, se non che: “Abbiamo affidato diversi mandati a quello studio e siamo molto soddisfatti perché lavorano bene e costano anche poco: con loro, di solito, vinciamo i contenziosi”. E in effetti la crisi – si apprende da fonti sindacali – viene risolta dopo tre anni, ma con il licenziamento di 18 lavoratori che non avevano accettano la proposta di trasferimento fatta balenare dalla cooperativa. Fine.

In ogni caso la discesa in campo dell’imprenditore apre uno scenario competitivo singolare in Friuli Venezia Giulia, perché la rivale cui domani vuol far le scarpe è la presidente della Regione in cui fa le gare (e vince: Arpa, Autovie Venete, Assl…) nonché il suo legale in caso di grane sindacali, seppur tramite il socio di studio. Che nelle vertenze, altro dato non proprio di colore per la numero due del Pd, non difende mica i lavoratori bensì il “padrone”, e con buona soddisfazione di quest’ultimo. Proprio così. Alla fine, grazie al terzo incomodo, le due Serracchiani hanno finito per ritrovarsi.

La versione di Debora
Alla Serracchiani, in Argentina in questi giorni, abbiamo rivolto alcune domande sulla vicenda ma è giunta solo una dichiarazione tramite il portavoce: “La costituzione di un’associazione professionale è stata valutata da Debora Serracchiani con l’avvallo del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Udine. Serracchiani, da quando si è autosospesa ad aprile 2013, non ha più firmato un atto e non ha più percepito alcunché dall’attività professionale, senza mai interfacciarsi con la clientela. L’attività professionale viene svolta solo e soltanto dall’avvocato Lorenzo Gennari il quale è l’unico interlocutore con i clienti e l’unico che gestisce lo studio, firma i mandati e tutti gli atti relativi allo studio. Serracchiani non segue alcuna pratica dello studio, né direttamente né indirettamente. Autosospendersi significa non avere la possibilità di esercitare e di trarre profitto dall’attività professionale, ma permette di conservare il titolo di avvocato, professione alla quale Serracchiani vuole poter tornare una volta esaurito il suo ciclo in politica”.