“Ho deciso di candidarmi perché credo che dobbiamo ricominciare a ricostruire questo partito, prima che sia troppo tardi. E non perché qualcuno sbagliando se ne va ma perché troppi rimangono a casa”. Con queste parole il ministro Guardasigilli Andrea Orlando ha ufficializzato la propria candidatura alle primarie per la segreteria del Pd. Già stamattina il politico ligure aveva annunciato su Facebook la decisione di sfidare Renzi. Con l’ufficializzazione, però, sono arrivati anche i toni da campagna elettorale, non aspri come quelli usati da Renzi e Emiliano, ma comunque decisi. “Da ma non avrete mai parole populiste o sovraniste” ha detto Orlando presentando la sua candidatura al circolo PD Marconi a Roma. Non sono mancate le critiche ai suoi nuovi avversari: “Da Renzi e da Emiliano di programmi ce ne sono pochi” ha accusato il Guardasigilli, secondo cui Renzi si comporta come se il Pd “non fosse il suo partito”, mentre Emiliano “pensa che tutti quelli che sono contro Renzi voteranno per lui”.

“Non delegittimerò mai i miei competitori” ha però aggiunto, sottolineando la sua idea di sinistra e di Pd: “Non sarò capo della mia corrente, sarò il segretario del mio partito e il giorno dopo non chiederò ad un dirigente o parlamentare di dirmi con chi schiera o dei voti che ha portato al congresso, ma delle sue idee. Io mi candido ad essere riferimento di tutto centrosinistra”. Sul tema dell’inclusione, poi, il Guardasigilli ha detto anche altro: “Io non mi preoccupo perché arriverò primo e chi arriverà secondo e terzo non si dovrà preoccupare di me – ha affermato – perché io sarò il segretario del Pd, il segretario di tutti. Penso – ha aggiunto – di poter rappresentare il partito, tutto il partito, perché so di essere capace di ascoltare, parlare e unire”. Ma gli obiettivi di Orlando non si fermano qui: “Mi candido per ricostruire il centrosinistra – ha precisato – e per essere il riferimento di tutto il centrosinistra”. Sui tempi stretti, poi, Orlando ha fatto sapere quali saranno le sue mosse: “Non ci sarà conferenza programmatica? La farò io e la farò a Napoli, dove si è manifestata in tutta la sua potenza la crisi della politica”.

L’ANNUNCIO SU FACEBOOK: “LA POLITICA NON PUO’ ESSERE SOLO PREPOTENZA”
“Ho deciso di candidarmi perché credo e non mi rassegno al fatto che la politica debba diventare solo prepotenza”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando a margine di una iniziativa a Ostia. Il guardasigilli, la cui candidatura era nell’aria da giorni, presenterà più compiutamente la propria candidatura alla guida del partito nel tardo pomeriggio, a Roma, al circolo Marconi. “Ho deciso di candidarmi – aggiunge il ministro – perché credo che ci voglia responsabilità e credo che il Pd debba cambiare profondamente per poter essere utile davvero all’Italia e ai problemi degli italiani, che in questo momento stanno vivendo momenti difficili“. E non sarà una candidatura di bandiera, promette Orlando: “Certo che sono deciso a vincere – risponde ai cronisti – Mi candido per vincere”. Verrà sicuramente visto come il candidato più a sinistra tra i tre in gara, dopo le candidature del segretario uscente Matteo Renzi e del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Gli chiedono se lui rappresenta un Pd da “Cinquanta sfumature di rosso”. Lui risponde che in realtà “dobbiamo avere 50 sfumature di Pd non di rosso”. “Dentro il Pd – aggiunge il ministro – ci deve essere anche il rosso, ma noi dobbiamo rifare il Pd che abbiamo sognato dieci anni fa e dobbiamo lavorare per evitare che la politica diventi soltanto risse, conflitti e scontri tra personalità, ma torni a essere una grande e bella occasione di vivere insieme e lavorare per la trasformazione dell’Italia”. “Se ci sarà una donna con me? – conclude – Ci saranno tanti con me e vedremo come organizzarci”. Tra i nomi che per ora sostengono Orlando esplicitamente l’ex veltroniano Goffredo Buccini e una serie di esponenti Pd di Torino, tra cui l’ex operaio Thyssenkrupp Antonio Boccuzzi.

La campagna congressuale, ad ogni modo, non avrà problemi a decollare. Emiliano, nell’ennesima partecipazione televisiva a L’Aria che tira, su La7, definisce Orlando “bravo e competente“, ma gli riconosce “un solo difetto: ha fatto parte del governo Renzi fino ad oggi” e “quindi, come sfidante di Renzi, devo capire a quale obiettivo sta mirando. Spero che, come me, lotti per un cambiamento del partito”.

CANDIDATO ORLANDO, CHI SARANNO GLI ‘ORLANDIANI’?
Resta da capire su chi potrà contare Orlando. Nei giorni scorsi il ministro si è sentito più volte e ha fatto fronte comune con Gianni Cuperlo e Cesare Damiano contro la scissione e in una posizione critica anche nei confronti del segretario Renzi. Tutti hanno smentito la nascita di una nuova corrente, ma resta una qualche unità di intenti. La corrente di Cuperlo, SinistraDem, deciderà “come stare nel congresso” in un’assemblea fissata per sabato 4 marzo: “Lo faremo in coerenza con le opinioni e battaglie di questi anni – dice lo stesso deputato ed ex presidente del partito – guardando a contenuti e valori di una alternativa alla stagione che ci siamo lasciati alle spalle”. Cuperlo comunque continua a ritenere “insufficiente” il segretario dimissionario, Renzi, perché continua a respingere la proposta di fare le primarie a luglio, sostenuta da quel che resta della sinistra Pd e da Michele Emiliano. I renziani vorrebbero un “turbo-congresso” di meno di un mese e mezzo e primarie il 9 aprile. Ma ora anche Sandra Zampa – vicepresidente del partito, prodiana – chiede ad Orfini di convincere Renzi a non fare le corse e di promuovere una soluzione “d’intesa tra i candidati”.

IL VICEMINISTRO BUBBICO LASCIA IL PD
Da capire poi da che parte si rivolgerà un altro ministro del governo Renzi, Maurizio Martina, che sarebbe nella stessa corrente di Damiano. Martina oggi ha diffuso una riflessione programmatica – pubblicata da Repubblica.it – che lancia cinque sfide a Renzi: “Partito, società, uguaglianza, Europa e nuove generazioni”. “Di certo – aggiunge Martina – non c’è sinistra senza il Pd in questo Paese. Abbiamo dato vita al partito nuovo per uscire dal novecento e non vogliamo riavvolgere il nastro della storia”. Nel frattempo la scissione entra ufficialmente dentro la squadra di governo: a lasciare il Pd sarà anche il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico: “Lascio il Partito democratico per un convincimento politico”, ha spiegato all’agenzia LaPresse, dopo “una situazione che non poteva essere sostenuta oltre”. “Le valutazioni complessive saranno fatte con la formazione dei gruppi la prossima settimana”. Quanto al suo ruolo al governo Bubbico risponde che “non dipende da me”. La decisione, conclude Bubbico, è relativa a “problemi politici che riguardano metodi e contenuti“.