Il giorno della scissione del Partito Democratico, dopo una settimana di accelerazioni e retromarce, è finalmente arrivato. Ad andarsene, però, sono solo i bersaniani – compreso l’ex candidato alla segreteria dei democratici Roberto Speranza – e Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana. Resta, invece, a sorpresa ma non troppo, Michele Emiliano, governatore della Puglia. Emiliano, anzi, ha ufficializzato la sua candidatura alla guida del partito durante la direzione che ha dato il via libera alla commissione che definirà regole e date del congresso e delle primarie. A differenza della mano tesa in assemblea, questa volta Emiliano si è scagliato contro l’ex segretario Matteo Renzi: “E’ il più soddisfatto della scissione” ha detto Emiliano, che ha deciso di essere stato a lungo di abbandonare il partito, ma di aver cambiato idea perché “questa è casa mia e nessuno mi può cacciare”. Ma il governatore parlava solo a direzione-314coloro che Renzi lo sostengono, perché l’ex presidente del Consiglio non si è presentato, preferendo un viaggio negli Stati Uniti. Emiliano ha difeso quelli che – solo per alcuni giorni, per dire il vero – sono stati suoi compagni di battaglia: con loro, sottolinea, abbiamo impedito che Renzi precipitasse il Paese nel voto anticipato, ma pur essendo “persone per bene di grande spessore umano e politico – continua Emiliano – sono state offese senza ragione da toni arroganti”.

Quello di Emiliano è parso proprio come un discorso da “inizio campagna congressuale”, visto che ha sfiorato anche un’analisi sugli anni di governo di Renzi, che l’ex sindaco di Bari ha definito “rampanti e sterili“. Cita anche il Che (“Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso”), ma riceve il messaggino inacidito proprio di Speranza che sottolinea come Emiliano sia candidato, sì, ma nel “Partito di Renzi“, il modo con cui i tre anti-Renzi avevano definito il Pd in una nota congiunta. I bersaniani, in ogni caso, annunciano “un nuovo soggetto di centrosinistra“.

Ad ogni modo visto che Renzi non c’è a rispondere a Emiliano è il presidente e segretario reggente del Pd Matteo Orfini: “Qui nessuno vuole cacciare nessuno, nessuno è felice della scissione. Cerchiamo di eliminare dal dibattito e dal congresso argomenti che ci lacerano”. Orfini ha fatto un ulteriore appello a Rossi e Speranza, decisi nella loro scelta di abbandonare il partito, spiegando che quella commissione congressuale può essere integrata con i nomi degli altri aspiranti candidati alla segreteria: “Chiedo a chi ha fatto una scelta diversa di ripensarci penso ci siano condizioni per andare avanti insieme ed evitare addii. Il congresso serve a questo”. In realtà un bersaniano doc, Davide Zoggia, negli stessi minuti in cui si riuniva la direzione, ha scritto su facebook che “oggi inizia una nuova storia”, mentre Enrico Rossi ha più volte ribadito di “non essere un pagliaccio”, di aver preso la sua decisione. Anzi i principali collaboratori del governatore toscano – Mirko Tutino, assessore a Reggio Emilia, e Silvia Prodi, consigliera regionale e nipote del Professore – hanno già comunicato di abbandonare il partito. 

Il segretario-presidente tra l’altro ha anche ribadito che ci sarà il tempo di una conferenza programmatica come chiesto da Andrea Orlando, ma anche da Maurizio Martina e lo stesso Emiliano. Ma è stato vano un ulteriore tentativo di avvicinare le posizioni tra i renziani e il resto del partito portato avanti da Gianni Cuperlo, che è leader di una delle correnti di minoranza. In sostanza l’ex presidente del partito ha chiesto di spostare le primarie a luglio, idea già avanzata la scorsa settimana da Emiliano. Infatti durante la direzione a sostenere la proposta di Cuperlo arriva subito Francesco Boccia, diventato braccio destro del governatore pugliese. In punta di diritto non sarebbe possibile: a norma di statuto non sarebbe possibile perché la carta fondamentale del partito obbliga a celebrare il congresso entro 4 mesi. Ma anche nel merito i renziani hanno respinto questa proposta: prima Matteo Ricci e Dario Parrini e poi Emanuele Fiano hanno risposto che sarebbe impossibile presentarsi alle elezioni amministrative senza segretario e senza chiarezza sulla linea. Orfini se l’è cavata rinviando ogni decisione al lavoro della stessa commissione congressuale. 

CRONACA ORA PER ORA (Qui la diretta tv)

19.21 – Speranza: “Emiliano si candida nel Pdr, il Partito di Renzi”
“Dalla Direzione Pd nessuna novità. Prendiamo atto della scelta assunta da Michele Emiliano di candidarsi nel Pdr”. Lo dichiara Roberto Speranza.

19.14 – Speranza: “Avanti per un nuovo soggetto di centrosinistra”
“Dalla direzione Pd nessuna novità. Noi andiamo avanti sulla strada della costruzione di un nuovo soggetto politico del centrosinistra italiano che miri a correggere quelle politiche che hanno allontanato dal nostro campo molti lavoratori, giovani e insegnanti. Occorre iniziare un nuovo cammino”. Lo afferma Roberto Speranza, che guida Sinistra riformista, interpellato dall’Ansa.

17.39 – La direzione Pd dà l’ok alla commissione congressuale
La direzione del Pd ha dato l’ok – con un voto contrario e 8 astenuti – alla commissione congressuale proposta da Orfini per definire regole e date di congresso e primarie. Nella commissione saranno inseriti anche i nominativi dei rappresentanti di Emiliano, che oggi ha ufficializzato la sua candidatura a segretario.

17.31 – Orfini: “Qui nessuno vuole cacciare nessuno”
“Qui nessuno vuole cacciare nessuno, nessuno è felice della scissione. Cerchiamo di eliminare dal dibattito e dal congresso argomenti che ci lacerano”. Lo dice Matteo Orfini alla Direzione Pd.

17.26 – Emiliano: “Con Speranza e Rossi impedito a Renzi di portarci al voto anticipato”
“Enrico, Roberto ed io abbiamo impedito al segretario di precipitare il Paese verso elezioni anticipate”. Lo dice Michele Emiliano, nel suo intervento in direzione Pd.

17.26 – Emiliano: “Sono stato tentato di andare via, ma sono qui per riavvicinare gli elettori”
“Di fronte a tanta avarizia, c’è stata tanta voglia di andare via come le migliaia di iscritti che se ne sono andati. Noi siamo qui a trasformare il fremito ad andare via nel riprendersi il diritto di cittadinanza dentro il Pd. Rappresentiamo una parte di Italia. In questa battaglia non abbiamo usato il tatticismo ma ci siamo fidati dei singoli militanti. Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso”. Così Michele Emiliano annunciando in direzione le motivazioni che l’hanno spinto a restare nel Pd e a candidarsi alla segreteria contro Matteo Renzi.

17.24 – Emiliano: “Renzi ha fretta di vincere a ogni costo”
“Mi candido nonostante il tentativo del segretario uscente di vincere il congresso a ogni costo e con ogni mezzo, approfittando di aver gestito tutto il potere economico, politico e mediatico. Ha fretta e non concede il tempo necessario a girare nemmeno la metà delle province. Perché i suoi errori, ove discussi, porterebbero a un suo indebolimento”. Lo dice Michele Emiliano annunciando la sua candidatura al congresso, nel corso della direzione Pd. “Nonostante il poco tempo ci proveremo lo stesso perché per noi il congresso non sarà mai una prova muscolare”, aggiunge.

17.23 – Emiliano: “Quelli di Renzi anni rampanti e sterili”
Quelli di Renzi sono stati “anni rampanti e sterili in cui la cultura della potenza ha preso la mano al senso del limite”. Lo dice Michele Emiliano alla direzione del Pd.

17.20 – Emiliano: “Io esitante per chi non interroga la coerenza di Renzi”
“Quando mi descrivono come esitante sorrido amaramente. Sono le stesse persone che non hanno detto al segretario che dopo aver personalizzato il referendum ora vanno avanti con lui senza fare le domande che fanno a me”. Così Michele Emiliano, in direzione, aggiungendo che “pensare prima di decidere” è sua regola di vita.

17.18 – Emiliano: “Renzi il più soddisfatto della possibile scissione”
“Con Rossi e Speranza abbiamo condotto una riflessione comune, Enrico e Roberto sono persone perbene, di grande spessore umano che sono state offese e bastonate dal cocciuto rifiuto ad ogni mediazione. Renzi è il più soddisfatto per ogni possibile scissione”. Così Michele Emiliano annunciando in direzione la sua candidatura alla leadership del Pd.

17.17 – Emiliano: “Rossi e Speranza persone perbene offese senza ragione”
“Enrico Rossi e Roberto Speranza sono persone per bene di grande spessore umano e politico che sono state offese senza ragione da toni arroganti”. Lo dice Michele Emiliano, nel corso della direzione del Pd.

17.15 – Emiliano: “Ultimo tentativo di Cuperlo naufraga su tatticismi”
“Anche stasera il tentativo di Cuperlo di ridare comprensibilità alla vicenda sta probabilmente naufragando su tatticismi sulle regole”. Lo ha detto Michele Emiliano intervenendo alla direzione Pd. “Lo dico con la stanchezza di chi ha già compreso come andrà questa storia”, ha aggiunto.

17.15 – Emiliano: “Mi candido alla segreteria del Pd, questa è casa mia”
“L’avrei voluto fare in assemblea ma il rispetto che ho per Rossi e Speranza non me l’ha consentito. Oggi vi ribadisco che mi candiderò alla segreteria del Pd. Questa è casa mia, casa nostra e nessuno può cacciarmi o cacciarci via”. Lo dice Michele Emiliano intervenendo in direzione Pd.

17.12 – Zoggia (bersaniano): “Da ora nuova storia”
“Da ora parte una nuova storia. A prestissimo. E grazie a tutti quelli che hanno chiamato, suggerito, spronato. Sono convinto che ci sia bisogno di quello che sta succedendo. Senza alterigia, senza spocchia, con umiltà. Andiamo avanti e costruiamo luoghi, spazi di idee, di confronto e soluzioni”. Lo scrive Davide Zoggia su Facebook.

17.08 – Parrini (renziano): “No a primarie a luglio, inficia le amministrative”
“Apprezzo sempre i toni di Gianni Cuperlo ma la data di luglio per le primarie inficerebbe la campagna per le amministrative”. Così il renziano Dario Parrini in direzione.

16.42 – Ricci (renziano) a Cuperlo: “La data la decide la commissione”
“Il congresso è già iniziato ed è la commissione a dover individuare il percorso del congresso, all’interno delle regole dello statuto”. Lo mette in chiaro il vicepresidente del Pd Matteo Ricci, prendendo la parola alla direzione del Pd, dopo che Gianni Cuperlo e Francesco Boccia hanno proposto di tenere le primarie a luglio. “Non dobbiamo solo gestire al meglio il congresso ma tenere il più distaccate possibile le amministrative – aggiunge Ricci, renzianissimo – Almeno negli ultimi trenta giorni dobbiamo essere tutti uniti a fare la campagna elettorale per i nostri candidati”.

16.32 – Boccia: “Integrare la commissione e primarie a luglio”
“Chiedo a Matteo Orfini di integrare la commissione per le regole del congresso nella misura in cui c’è la disponibilità di questa direzione. Chiedo di integrare con altri nomi”, dice Francesco Boccia, esponente del Pd vicino a Michele Emiliano.

16.20 – Fassino: “Da giorni milioni di iscritti pensano una parola di 6 lettere: perché?”

16.13 – Cuperlo propone primarie a luglio
“Proviamo a stupire tutti fuori di qui. Avviamo il congresso, con una prima fase di confronto politico-programmatico. Poi affrontiamo assieme le amministrative e chiudiamo questo percorso con le primarie per la scelta del segretario entro la prima parte del mese di luglio”. Lo dice Gianni Cuperlo alla direzione del Pd. La proposta era già stata avanzata la scorsa settimana da Michele Emiliano. Cuperlo chiede di coinvolgere su questo punto anche chi non è alla direzione, cioè bersaniani e “rossiani”, cioè chi segue Enrico Rossi. 

16.05 – Cuperlo: “Ultimo spiraglio per evitare un danno storico”
“La direzione non può essere il luogo in cui si registrano eventi che riteniamo già consumati. Vi chiedo se possiamo alzare le mani e dire che è finita almeno una parte della storia in comune”, dice Gianni Cuperlo alla direzione del Pd. “Io continuo a ritenere che si tratterebbe di un danno storico destinato a immiserire la visione di fondo della nostra forza. Per questo penso che solo una carenza di spirito può impedirci di riaprire l’ultimo spiraglio”, aggiunge.

16.03 – Orfini: “Discussione programmatica prima del congresso? Si può”
“Il tema di una discussione programmatica che preceda il congresso, posta da molti, possa e debba essere raccolta e ci sono i tempi per farlo”. Lo ha detto il presidente Pd Matteo Orfini nel corso della direzione del Pd. La richiesta era stata posta più volte da Andrea Orlando, ma a seguire anche da Maurizio Martina e infine da Michele Emiliano.

16.02 – Zampa: “Appelli dai circoli di tutta Italia a rimanere uniti”
La vicepresidente del Pd Sandra Zampa ha riferito di numerosi appelli dai circoli di tutta Italia a rimanere uniti.

16.01 – Commissione congressuale con tutte le correnti rappresentate
Nella commissione per il congresso entrano Fregolent, Nardi, Del Barba, Carbone, Bini, Losacco, Ginoble, Di Marzio, Piccione, Montanari, Morassut, Campana, Mancini, Rubini, Bordo, De Maria, Apunzo, Lorenzo Guerini. Lo annuncia il presidente del Pd Matteo Orfini.

16.00 – Presentata commissione congressuale: “Ma possiamo integrare con altri nomi di chi non c’è”
Orfini presenta la commissione congressuale. “Ma chi non è venuto oggi è sempre in tempo, possiamo integrare con i nomi degli aspiranti candidati”. L’invito esplicito è a Rossi e Speranza che non partecipano alla direzione e hanno deciso di uscire dal partito. “La commissione congresso che nomineremo oggi, avrà il compito di raccogliere le diverse posizioni per vedere se si può fare ancora qualche passo per ricomporre le distanze”.

15.53 – Altro appello di Orfini: “Chiedo a chi non è venuto di ripensarci”
“Chiedo a chi ha fatto una scelta diversa di ripensarci penso ci siano condizioni per andare avanti insieme ed evitare addii. Il congresso serve a questo”. A dirlo il segretario reggente del Pd Matteo Orfini durante la direzione del partito. Per Orfini quanto “emerso nel dibattito in assemblea e dopo non è tale da giustificare e rendere inevitabile addii dal nostro partito. Credo che ci siano ancora margini per tenere unito questo partito”.

15.51 – Orfini: “Ho chiesto a Emiliano, Rossi e Speranza di partecipare. Non mi rassegno”
E’ cominciata nella sede del Pd, assediata dalla protesta dei tassisti, la riunione della direzione. A condurre la direzione il presidente dem Matteo Orfini a cui è affidato – in qualità di segretario reggente – il primo intervento. Tra le altre cose Orfini ha raccontato di aver sentito molte volte in queste ore i leader delle minoranze (Speranza, Rossi, Emiliano) chiedendo di partecipare. “Non mi rassegno, non è che se non partecipano a questa riunione non possono partecipare alle prossime”.

15.48 – Emiliano è arrivato al Nazareno per la direzione Pd
Michele Emiliano è arrivato al Nazareno per partecipare alla direzione del Pd. Il Governatore della Puglia, che ha sciolto la riserva sulla sua presenza poche ore fa, è entrato in macchina da un ingresso secondario. 

15.44 – Damiano: “Renzi? Io sarei rimasto in direzione”
“No, io sarei rimasto in direzione”. Risponde così Cesare Damiano, arrivando al Nazareno, a chi gli chiede se lui, al posto del segretario Pd, avrebbe preso l’aereo per l’America come ha fatto da Matteo Renzi.

15.23 – A Reggio Emilia il primo a uscire dal Pd, è assessore. Verso l’uscita anche la nipote di Prodi
L’assessore comunale alla Mobilità di Reggio Emilia, Mirko Tutino, esce dal Pd. Nella direzione provinciale ha comunicato le dimissioni dagli incarichi ricoperti. Insieme alla consigliera regionale Silvia Prodi – nipote dell’ex premier – è stato tra i fondatori dei “Democratici socialisti”, la corrente di Enrico Rossi. Tutino resterà comunque in giunta: “Ne ho parlato con il sindaco Luca Vecchi, resto nella maggioranza del centrosinistra e quindi nella coalizione di governo”.

15.12 – Orlando: “Bersani? Gli addii addolorano, ma bisognerà andare avanti”
“Gli addii addolorano, però bisognerà andare avanti e parlare al Paese”. Lo dice Andrea Orlando, ministro della Giustizia, commentando l’uscita dal Pd di Pier Luigi Bersani e i parlamentari della sua area. “Emiliano sta rientrando, mi auguro che anche altri seguano il suo esempio”, dice il ministro, a margine della presentazione del blog ‘Lo stato presentè.

15.04 – Orlando: “Non ho ancora deciso se candidarmi”
“Non ho deciso ma non mi baso sulle altre candidature”. Così risponde il ministro della Giustizia Andrea Orlando, a margine della presentazione di un blog dal titolo “Lo stato presente”, a chi gli domanda se si candiderà al congresso del Pd, anche alla luce della probabile candidatura di Michele Emiliano contro Matteo Renzi.

15.02 – Orlando: “Emiliano rientra, spero anche altri”
“Ho visto che Emiliano sta rientrando. Spero che lo facciano anche altri”. Lo dice Andrea Orlando a margine della presentazione del blog “Lo Stato Presente” a proposito della decisione di Michele Emiliano di non seguire la minoranza Pd nella rottura.

14.48 – Cuperlo e Martina arrivati in direzione
Gianni Cuperlo e il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, sono appena arrivati al Nazareno per la direzione del Pd. Via delle Fratte è ancora presidiata dai manifestanti e i membri dem stanno entrando da un ingresso laterale.

14.45 – Ingresso del Nazareno blindato
La polizia blinda l’ingresso della sede del Pd in via delle Fratte dal lato del largo del Nazareno e verso via Propaganda per impedire ad ambulanti e tassisti di arrivare all’ingresso della sede del partito dove alle 15 dovrebbe tenersi la direzione. A presidiare c’è anche una camionetta dell’esercito.

14.44 – I bersaniani dissentono da Emiliano: “Nessun ripensamento, fuori dal partito”
Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza e i parlamentari della loro area non cambiano idea: non parteciperanno alla direzione di oggi e al congresso del Pd, di cui non condividono le modalità. Di fatto, a quanto si apprende, sono così fuori dal partito e dissentono dalla scelta di Michele Emiliano di sfidare Renzi alle primarie. È una scelta personale, sottolineano.

14.16 – Fassino: “Non mi rassegno, ancora contatti intensissimi”
“Io non mi rassegno. In queste ore i contatti sono intensissimi tra di noi”. Lo ha detto Piero Fassino oggi ad Agorà. “Le ragioni per cui andiamo verso una scissione non sono plausibili, non sono comprensibili”.

14.16 – Serracchiani: “Scissione di ceto politico, stesse facce da 30 anni”
Quella in atto nel Pd “è una scissione di ceto politico e non di fase politica. Le facce che stanno dietro a questa incomprensibile situazione sono le stesse da trenta anni”. Così a Radioanch’io su Radiouno il governatore del Friuli Venezia Giulia Deborah Serracchiani, secondo la quale “c’è sempre possibilità di una sintesi tra incompatibilità politiche, più difficile tra quelle personali”.

14.16 – Rossi: “In Pd attacco ai simboli della sinistra: via i sindacati, ma vicini agli ad”
“La politica è anche fatta di simboli” e negli ultimi anni anche dall’interno del Pd “c’è stato un attacco a simboli della sinistra, come ai sindacati, che pure devono cambiare, o al contrario una vicinanza agli amministratori delegati”. Così il governatore della Toscana Enrico Rossi a Radio Anch’io. Per Rossi “occorre stare più vicini al mondo del lavoro e dare una risposta ai referendum Cgil, invece la questione del lavoro è stata messa in un angolo”.

14.15 – Fratoianni: “Chi lascia il Pd, si ponga la questione del governo Gentiloni”
Secondo il segretario di Si Nicola Fratoianni i nuovi gruppi parlamentari che potrebbero nascere dalla scissione del Ps avranno da subito di fronte la questione del governo Gentiloni. “Questo governo – ha detto a Radoanch’io su Radiouno – è una fotocopia sbiadita del governo Renzi, che rivendica la buona scuola ed il jobs act”.

14.14 – Emiliano resta nel Pd, sfiderà Renzi al congresso
Michele Emiliano ha deciso: resta nel Pd. A quanto apprende l’Ansa, il governatore pugliese parteciperà oggi alla direzione sulle regole al Nazareno. E sfiderà Matteo Renzi al congresso.