sondaggiipsos18febIl Movimento 5 Stelle primo partito, seguito a ruota dal Pd, ma solo se i dem evitano di scindersi. In quel caso la nuova forza di sinistra potrebbe già valere il 4,3% sul totale degli elettori, e il 6.5% sui voti validi. Sono i dati contenuti nell’ultimo sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera, secondo i quali il M5s si conferma al primo posto con il 30,9% dei consensi. Subito dietro ecco il Pd con il 30,1%: numeri entrambi stabili rispetto al dato di gennaio.

A seguire ecco Forza Italia col 13% e Lega al 12,8%: insieme a Fratelli d’ Italia (4,3%), il centrodestra supera quindi il 30%, esattamente come i dem e i pentastellati. Rimangono stabili anche i livelli di gradimento dei leader: l’unica eccezione è rappresentata dal premier Paolo Gentiloni che passa dal 35 al 43%, conquistando ben otto punti. Secondo l’istituto di Nando Pagnoncelli il consenso dell’ex ministro degli Esteri cresce in relazione alla domanda che molti cittadini esprimono “di decantazione del clima infiammato che aveva caratterizzato i tempi recenti”. Dietro Gentiloni tra i leader con più consenso ecco il grillini Luigi Di Maio (33%), Matteo Renzi (32%, meno 3 punti rispetto a dicembre) e Beppe Grillo (29%, ha perso due punti).

Continua a crescere nei sondaggi il possibile “nuovo partito di sinistra”, e cioè quello che nascerebbe se la corrente di Michele Emiliano, Enrico Rossi e Roberto Speranza (ma anche Massimo D’Alema e Pierluigi Bersani) lasciasse il Pd. Per Ipsos  il nuovo soggetto avrebbe già il 6.5% sul totale dei voti validi. Se a questi si aggiungono gli elettori potenziali, cioè quelli che sebbene dubbiosi non escludono di poterla votare (2%, che diventa il 3% dei voti validi), il consenso passa dal 5,6% al 6,3% e può arrivare fino al 9.,5%. La metà dell’elettorato potenziale (3,2%) arriverebbe dal Pd mentre gli altri dall’astensione, da altre liste di sinistra e dal M5s. Il vero primo partito, invece, come spesso capita da qualche tempo è quello degli astensionisti e degli indecisi a quota 34%.