La sua colpa? Essere un 12enne originario del Marocco e probabilmente più debole di altri in una delle scuole medie più rinomate di Padova. E’ finito sotto il tiro di alcuni compagni che, dopo averlo già umiliato un anno fa con un falso messaggio sul cellulare, ora lo hanno immobilizzatopicchiato. Hanno approfittato del caos di una lezione di educazione fisica, in palestra, per utilizzare le corde in dotazione alla struttura sportiva. Lo hanno legato e frustato, sotto gli occhi di alcuni compagni, senza che il docente, impegnato nell’attività didattica, se ne accorgesse.

È avvenuto nel centro storico della città antoniana, la scuola media “Francesco Petrarca” in via Concariola. Protagonisti dell’episodio tre ragazzini, già al centro di altri episodi di bullismo. L’ora di educazione fisica, anziché essere un’occasione di sfogo e divertimento, è diventata il pretesto per accanirsi contro un ragazzino che già da tempo era nel loro mirino. Hanno approfittato della confusione, mentre alcuni compagni si dedicavano all’attività sportiva e altri erano negli spogliatoi o in bagno. I tre hanno teso un vero e proprio agguato al compagno. Gli sono saltati addosso e lo hanno immobilizzato. Poi lo hanno legato mani e piedi, stendendolo a terra in un angolo. Hanno utilizzato una delle corde per frustarlo, mentre ridevano e lo prendevano in giro, mentre la vittima chiedeva di essere liberata e lasciata in pace. Alcuni compagni hanno assistito alla scena. E il caos ha attirato l’attenzione del docente.

I tre ragazzi sono stati subito identificati. Il prof ha fatto rapporto alla direzione che ora sta valutando quali provvedimenti prendere assieme agli organi di disciplina della scuola. Il dirigente scolastico è la professoressa Lucia Marcuzzo. Intervista dal Corriere del Veneto ha spiegato che quella classe di seconda media è “molto unita”. Ma prima di esprimere giudizi aspetta che sia completata un’istruttoria per accertare le vere dimensioni dell’episodio. “Convocherò le famiglie e parlerò con i ragazzi, se necessario apriremo un procedimento disciplinare e informeremo l’autorità giudiziaria. Oggi gli alunni erano tutti a scuola: se l’episodio fosse così grave, qualcuno sarebbe rimasto a casa e sarebbero arrivati i genitori”. Marcuzzo cerca di non drammatizzare. “A volte i dodicenni non si rendono conto di quel che fanno, forse è stato solo uno scherzo pesante. L’insegnante era presente e la palestra è un luogo aperto, per cui dev’essere durato davvero poco tempo. Non voglio ingigantire e nemmeno sottovalutare l’accaduto, per cui non lascerò nulla di inesplorato. Ma spero almeno di ridimensionarlo”.

Eppure qualche motivo di preoccupazione gli organi della scuola dovrebbero averlo. E da tempo. Il Mattino di Padova ha scritto che anche un anno fa l’allievo musulmano era stato preso di mira. Gli era stato sottratto il telefonino e alcuni compagni si erano impadroniti della sua identità su Facebook, arrivando a simulare una confessione pubblica secondo cui il dodicenne ammetteva le proprie tendenze gay. Non era vero e la famiglia aveva fatto scoppiare un putiferio. Poi, dopo un anno, i tre lo hanno legato e frustato in palestra.