Francesco D’Anna, consigliere comunale del M5s a Bagheria, provincia di Palermo, è stato picchiato da due ladri di rame sul lungomare per Mongerbino. Verso le 7.30 della mattina di sabato 14 gennaio, D’Anna ha sorpreso due persone che, vicino a casa sua, bruciavano dei cavi e della plastica per poter rubare il rame. Il consigliere ha cercato di fermarli, come racconta il sindaco Patrizio Cinque, minacciando di chiamare le forze dell’ordine. I due a quel punto lo hanno aggredito prendendolo a pugni in faccia. D’Anna è stato trasportato al Pronto soccorso dell’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo.

Il sindaco Cinque ha ricostruito la vicenda e ha parlato di “vile e inquietante aggressione”. “Auguro a Francesco una pronta guarigione e sono certo che questo gesto non lo farà indietreggiare neanche di un passo nell’essere esempio di legalità – ha detto Cinque – Episodi come questi ci spronano ancora di più a combattere ogni forma di illegalità e ad essere vigili”. Solidarietà anche dalla giunta, dal Consiglio comunale e dai deputati all’Assemblea regionale siciliana del M5s: “Sostegno, ma anche un sentito ringraziamento ai nostri amministratori e rappresentanti nelle istituzioni, quotidianamente impegnati nell’opera di cambiamento della nostra terra. Li esortiamo a continuare con forza il cammino intrapreso”.

Solidarietà è arrivata direttamente da Beppe Grillo. Il leader del Movimento ha scritto un post sul blog: “A Francesco va la solidarietà e la vicinanza di tutto il M5S, di ogni singolo portavoce eletto e di ogni attivista. È grazie al senso civico di persone come Francesco – si legge – che questo Paese può cambiare finalmente volto. Siamo accanto a lui e alla sua famiglia, augurandogli una pronta guarigione”.