Quarantotto migranti provenienti dal Sudan, fermi a Ventimiglia nella speranza di passare il confine e raggiungere i propri familiari, sono stati rimpatriati oggi. Il volo charter, destinato alla capitale Khartoum, è stato operato da Egyptair. Secondo le informazioni trapelate nella tarda serata di ieri, il volo doveva partire alle 12.45 dall’aeroporto di Milano Malpensa, dove quell’ora sono arrivati alcuni manifestanti per esprimere solidarietà ai migranti, ma il volo sarebbe invece partito dall’aeroporto di Torino-Caselle intorno alle 13. Si tratta della prima espulsione diretta di questo genere: “Dei ragazzi partiti con quell’aereo ne conoscevamo bene due”, spiegano a ilfattoquotidiano.it alcuni attivisti giunti a Malpensa da Ventimiglia. Ci dicono i nomi dei migranti, ci raccontano le loro storie: “Fino a ieri erano al Centro della Croce Rossa, si sentivano al sicuro e stavano preparandosi per la richiesta di asilo”.

A quanto si può ricostruire in assenza di conferme ufficiali, i sudanesi sono stati prelevati nei giorni scorsi da Ventimiglia e sono stati accompagnati nella giornata di ieri alla Questura di Imperia, dove il giudice di pace ha convalidato, per ciascuno di loro, il decreto di espulsione. Per Alessandra Ballerini, avvocato di fiducia della Caritas di Ventimiglia, esperta in diritto dell’immigrazione: “Si tratta di una deportazione di massa verso un Paese dov’è certa la violazione dei loro diritti fondamentali, dov’è in pericolo la loro stessa vita. Con questa operazione il nostro Paese si rende complice di tutte le violazioni che saranno poste in essere da questi regimi”.

Nel 2015 il 60% dei sudanesi richiedenti asilo ha ricevuto la protezione umanitaria in Italia. Se quindi, da una parte, il nostro Paese riconosce la drammaticità della situazione in Sudan, dall’altra, con questo accordo, accredita la repubblica governata dalla dittatura militare di Omar al Bashir come “paese terzo sicuro”, verso il quale rimpatriare i richiedenti asilo che si vedono negare il diritto alla protezione.

Risale al 4 agosto la firma del “Memorandum of Understanding” tra l’Italia e il Sudan – di cui ha scritto il sito di “Nigrizia” – che prevede la collaborazione nella gestione delle migrazioni e delle frontiere, con articoli dedicati proprio al rimpatrio dei cittadini “irregolari”. Nelle scorse settimane il governo italiano ha chiesto al Sudan di inviare una sua delegazione a Ventimiglia, è stato lo stesso Ministro degli Esteri sudanese Gharib Allah Khidir, la scorsa settimana, ad annunciarlo al Sudan Tribune: “Abbiamo accettato la proposta dell’Italia e inviato una delegazione di agenti al confine franco-italiano allo scopo di identificare e avviare il rimpatrio dei nostri concittadini”. Resta da chiarire come sia possibile il coinvolgimento di agenti dei paesi di origine nell’identificazione dei migranti, dal momento che le regole della Convenzione di Ginevra lo vietano espressamente.

In Sudan si moltiplicano le persecuzioni contro i cristiani e, come ha denunciato l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati “centinaia di persone già riconosciute come aventi diritto di protezione internazionale vengono espulse dal governo nelle carceri di Etiopia ed Eritrea, dove la tortura è la prassi”. Non bastasse, in Sud Sudan è in atto un conflitto armato tra gli eserciti delle etnie dinka e nuer, combattuto anche con il reclutamento di bambini soldato. Lo stesso Governo italiano, lo scorso anno, ha inviato un contributo di 545.000 dollari al Sudan per supportare i campi profughi destinati ai rifugiati del conflitto.

Dopo il “Processo di Khartoum” di fine 2014, da qualche mese il Sudan ha intensificato i rapporti con l’Ue “per risolvere alle radici le cause della migrazioni”. “Come si può dire che in Sudan è garantita la tutela dei diritti umani? Come possiamo mettere in pericolo la vita di queste persone rimpatriandoli forzatamente?”, si chiede Luigi Manconi, senatore Pd e presidente dell’associazione “A Buon Diritto”. “Non possiamo correre il rischio di rimpatriare nessuno senza adeguate garanzie sulla sua incolumità”. Fino a oggi, i trasferimenti coatti erano avvenuti solo all’interno dei confini italiani, dal confine verso hotspot e centri di accoglienza del Sud Italia.

Le operazioni si ripetono da maggio: interventi della polizia di Ventimiglia, trasferimenti verso l’aeroporto con le corriere della Riviera Trasporti, voli operati da Mistral Air (compagnia delle Poste Italiane) e Bulgarian Air Charter. Non si conosce il costo di queste operazioni, ma la loro efficacia è messa pesantemente in dubbio: “I migranti trasferiti non vogliono stare in Italia, dopo pochi giorni li rivediamo qui” testimoniano gli operatori della Croce Rossa, che a Ventimiglia gestiscono il primo vero e proprio “campo di transito” in Italia. A definirle per primo “operazioni ipocrite” è stato Antonio Suetta, vescovo di Ventimiglia e Sanremo che aveva dichiarato al Fatto Quotidiano: “Vogliono far passare per ‘accoglienza’ politiche di respingimento e deportazione e chi li sostiene viene criminalizzato, è un martirio”.

“Se quanto riportato fosse confermato” scrivono i deputati Giuseppe Civati, Elly Schlein e Andrea Maestri (Possibile), “sarebbero ipotizzabili gravissime violazioni di legge ed in particolare il divieto di espulsioni/respingimenti collettivi, nonché la violazione della Convenzione di Ginevra, della Costituzione italiana, del Testo Unico sull’Immigrazione. (…) Chiediamo che il Ministro Alfano chiarisca immediatamente i fatti e fornisca la prova della legittimità dell’operazione, se effettivamente programmata”.