Approvato l’assestamento di bilancio, mentre le linee programmatiche dell’amministrazione e l’assegnazione delle deleghe slittano in avanti. Questo l’esito della prima riunione di giunta con Virginia Raggi come sindaca di Roma: alla seduta hanno partecipato anche i consiglieri di maggioranza, invitati dalla prima cittadina “poiché ritengo sia fondamentale lavorare da squadra, condividendo ogni misura e provvedimento che saranno messi in campo per risollevare Roma”.

Ora che l’assestamento di bilancio ha avuto il via libera della giunta, il documento dovrà passare in Aula entro il 31 luglio. La commissione Bilancio si prepara quindi a uno sprint e a lavorare a tappe forzate per rispettare la scadenza. “Oggi abbiamo approfondito tutti gli aspetti del bilancio. Le cifre non le darò io. Le linee programmatiche sono state rimandate alla prossima giunta utile – ha spiegato il vicesindaco di Roma Daniele Frongia. Interpellato in merito all’assegnazione delle deleghe, Frongia ha risposto: “Non si è parlato di deleghe perché non c’è stato il tempo per parlare di altro”.

Ma il Pd ha già chiesto che il Movimento 5 Stelle discuta in consiglio prima il programma della questione bilancio. “Non si può pensare di andare in Aula a discutere di assestamento di bilancio se prima la giunta non presenta le proprie linee programmatiche –  ha affermato Michela De Biase, capogruppo del Pd in Assemblea capitolina -Né la sindaca Virginia Raggi, né alcun membro della sua giunta, è ancora venuto a spiegarci quali sono le linee guida dell’amministrazione. Su quali basi possiamo andare in Aula a votare un assestamento di bilancio, quando non sappiamo neanche quali sono le linee che l’amministrazione vuole seguire?”.