‘”Una volta c’era la lottizzazione, una specie di caricatura del pluralismo, adesso c’è la renzizzazione, c’è il partito unico in Rai“. Così il direttore de il Fatto quotidiano, Marco Travaglio, ospite di ‘Otto e mezzo’ (La7) dopo le polemiche sull’informazione del servizio pubblico sul referendum costituzionale del 5 ottobre prossimo. “Tutte e tre le reti sono governative, con un amministratore delegato onnipotente che scavalca il cda, e dopo le elezioni renzizzerà anche i telegiornali”. “Renzi prevede che non gli andranno benissimo le amministrative, parla molto di referendum. La televisione di Stato rilancia la campagna del ‘Sì’ mentre la campagna del ‘No’ non esiste. Questo è semplicemente scandaloso”. Paolo Mieli, già direttore del Corriere della sera, ribatte: “Quelli per il ‘No’ parlino e denuncino allora. Dicano: ‘Io ho parlato alla stampa e mi hanno tagliato'”