“Illustrissimo Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, la preoccupazione che mi muove nell’indirizzarLe questa lettera aperta riguarda la situazione gravissima in cui versa la maggior parte delle scuole paritarie cattoliche del nostro Paese”. Con queste parole si apre la lunga lettera-appello inviata dall’arcivescovo di Ferrara, monsignor Luigi Negri, al presidente del Consiglio Matteo Renzi. Il motivo? Come riporta La Stampa, il Comune di Ferrara ha chiesto il conto degli arretrati Imu – anzi Ici, perché si parla del 2010 e all’epoca la tassa sugli immobili si chiamava ancora così – a una decina di parrocchie locali, per un totale che secondo i calcoli dell’economo della Curia, don Graziano Donà, si aggira sui 100mila euro. Costo che, lamenta l’arcivescovo, si ripercuoterà anche sugli istituti scolastici paritari, considerati immobili di natura commerciale della Chiesa.

La vicenda riaccende i riflettori sull’annosa questione del pagamento delle tasse sugli immobili da parte degli enti ecclesiastici. Lo scorso settembre Papa Francesco era intervenuto da par suo dicendo che “un collegio religioso se lavora come albergo è giusto che paghi le imposte”. E aveva chiuso la questione con un esempio: “Alcune congregazioni dicono: ‘Ora che il convento è vuoto faremo un hotel, un albergo: possiamo ricevere gente e con ciò ci manteniamo e guadagniamo’. Bene, se desideri questo paga le imposte. In caso contrario, il business non è pulito“.

Non è della stessa idea l’arcivescovo Negri, che nella lettera a Renzi sottolinea come “varie iniziative, tra cui la sentenza della Cassazione che ha dato ragione al Comune di Livorno nel luglio scorso per la sua pretesa di esigere l’imposta sugli immobili da istituti scolastici non statali, hanno portato senza alcun preavviso – e ignorando accordi e regolamenti che definiscono le caratteristiche di ente non commerciale – ad un aumento notevole degli oneri soprattutto per gli enti proprietari, rendendo così precaria l’esistenza stessa di molte scuole, a partire dalle scuole paritarie dell’infanzia“.

Il prelato si riferisce alla pronuncia, in via definitiva, della Corte di Cassazione che lo scorso luglio era intervenuta nel procedimento avviato dal Comune di Livorno a carico delle scuole Santo Spirito e Immacolata. La Suprema Corte aveva ritenuto legittima la richiesta dell’amministrazione comunale livornese, che nel 2010 aveva spedito, attraverso l’ufficio tributi, avvisi di accertamento per omessa dichiarazione e omesso pagamento dell’Ici per gli anni dal 2004 al 2009. Nei primi due gradi di giudizio le scuole l’avevano spuntata riuscendo a respingere la richiesta di pagamento, ma alla fine sono state costrette a versare all’amministrazione comunale 422.178 euro. La Cassazione, che in quell’occasione era intervenuta per la prima volta sul tema, aveva sostenuto che “poiché gli utenti della scuola paritaria pagano un corrispettivo per la frequenza, tale attività è di carattere commerciale, ‘senza che a ciò osti la gestione in perdita’”