Uccisa a sprangate per rapina. È accaduto a Ginevra a una ricercatrice italiana. Valentina Tarallo, 29 anni, di La Loggia (Torino), è morta così mentre camminava per strada nel quartiere degli ospedali universitari.

La vittima, che frequentava un dottorato di microbiologia molecolare nella città elvetica, è stata colpita, da un uomo che l’ha aggredita per strapparle la borsetta mentre la giovane rientrava a casa. I carabinieri hanno informato i genitori della giovane, che si trovavano in Puglia e sono partiti per portare la salma in Italia.

La polizia, secondo quanto riporta il quotidiano Le Matin, starebbe cercando un giovane tra i 20 ed i 30 anni, di origine africana ed alto circa 1 metro e 90. La squadra omicidi di Ginevra cerca testimoni.
Il delitto è avvenuto davanti al numero civico 22 di avenue de la Croisette, vicino all’ospedale pediatrico. Un abitante del quartiere, sempre secondo il servizio del quotidiano Le Matin, avrebbe visto la “ragazza circondata dai soccorritori e, poco lontano, una barra di ferro, probabilmente un piede di porco, lungo 60-70 cm”. La giovane donna aveva il cranio fracassato ed è morta dopo il ricovero in ospedale.

La ricercatrice era in Svizzera per i suoi studi Valentina sul microRna e come si legge sul sito dell’ateneo “per capire il loro ruolo nella regolazione del metabolismo e di stabilire i meccanismi molecolari della loro azione”. La scheda sulla dottoressa si chiude con la frase: “Valentina ama il balletto e preparare il tiramisù seguendo la ricetta della madre”.

“Orrore e sdegno per il feroce assassinio di Valentina Tarallo. In queste ore di drammatico dolore – fa sapere il sindaco di Torino, Piero Fassino – siamo vicini alla famiglia di Valentina”.

“Valentina era una ragazza speciale – ha dichiarato, scossa, l’amica Cristiana – sono cresciuta con lei e il solo pensiero di non poterla più rivedere mi fa venire i brividi. Lo scorso weekend era tornata a casa – racconta – ma era ripartita subito per proseguire quel lavoro che l’aveva portata lontano ma che tanto le piaceva”.

Il padre della ragazza, Generoso, è un dipendente del Comune di Torino in pensione, la madre Mattea una insegnante. La ragazza, dopo la laurea, aveva lasciato la loro casa a La Loggia, nel Torinese, per andare a proseguire gli studi in Svizzera.

Foto dal sito dell’Università di Ginevra