Un olio prodotto sui terreni confiscati alla mafia grazie al lavoro di ragazzi italiani usciti dalle comunità di recupero e da giovani profughi africani. È questa la sfida di Saman, l’associazione fondata da Mauro Rostagno, e l’azienda vinicola del Valpolicella Allegrini che hanno presentato il loro prodotto a Verona alla fiera Vinitaly. “Olio di casa nostra” viene prodotto in Sicilia nel Trapanese. “Per noi questo vuol dire molto: è una zona dove la mafia è potente – ricorda Achille Saletti, presidente di Saman – Da qua proviene anche Matteo Messina Denaro, il capo di Cosa Nostra”. Allegrini sarà partner commerciale del progetto: “Il nostro obiettivo è aiutare Saman a vendere il prodotto – spiega Caterina Mastella Allegrini – Noi ci crediamo perché non è solo un olio fatto da ragazzi italiani stranieri in difficoltà ma è anche di ottima qualità”  di Alessandro Sarcinelli