Le immagini dell’ospedale supportato da Medici Senza Frontiere distrutto ieri mattina da un attacco missilisticoIdlib, nel nord della Siria. La struttura ospedaliera contava 30 posti letto, due sale operatorie, un pronto soccorso, un ambulatorio e forniva assistenza a circa 40.000 persone: ora è un cumulo di macerie. Ancora non si conoscono i responsabili dell’attacco ma il Msf punta il dito contro il governo siriano di Assad o la Russia (Video tratto da Day of Solidarity with Syria)