“Il quadro criminoso che emerge dalle indagini sfociato nei provvedimenti restrittivi di oggi nei confronti di dipendenti del San Matteo è di particolare gravità”. Lo ha detto il presidente della Fondazione San Matteo di Pavia, Giorgio Girelli, commentando i provvedimenti giudiziari emessi oggi dalla Procura. La polizia di Pavia ha eseguito questa mattina 13 ordinanze di custodie cautelare nei confronti di 12 dipendenti del Policlinico e di un dipendente di una cooperativa che svolge lavori all’interno dell’ospedale. Sono accusati di avere sottratto carne, frutta e altri alimenti dalla mensa dell’ospedale. Sono 222 gli episodi accertati e 48 le persone indagate (su 60 che lavorano in mensa), per 13 delle quali sono stati disposti gli arresti domiciliari. L’indagine era partita nell’estate del 2013 in seguito alla denuncia di un ex dipendente di una cooperativa che svolgeva le pulizie all’interno della mensa del San Matteo. L’uomo, secondo quanto ha riferito agli inquirenti, aveva deciso di licenziarsi dopo che non aveva accettato di partecipare ai furti di alimenti nella mensa