Dietro il campetto di calcio del Parco Verde di Caivano c’è un’enorme piazza di spaccio. Bruno Mazza ha un passato criminale, è stato il braccio destro di un boss della zona: “Quando mio fratello è morto di overdose, ho cambiato vita”. Oggi anima l’associazione di volontariato ”Un’infanzia da vivere” per riscattare il futuro di chi vive lì. In una sola mattina, nei pressi del campetto di calcio si trova a raccogliere 350 siringhe: “Qui non sappiamo cos’è la legalità, lo Stato deve intervenire”. Il servizio di Sandro Ruotolo è andato in onda il 25 settembre 2014 nella puntata di Servizio Pubblico