Il Pd di Parma plaude al successo di un evento organizzato con Fabrizio Barca, ma tra le persone immortalate nella foto diffusa sui social network dal profilo ufficiale del partito si riconoscono diversi “cloni”. Nello scatto infatti, in mezzo al “pubblico fittissimo” – a quanto dice il Pd – che lo scorso 30 gennaio ha partecipato alla giornata dedicato al progetto Luoghi Ideali con l’ex ministro del governo Monti e il suo network nazionale, si notano persone identiche che appaiono sdoppiate una di fianco all’altra, come in un fotomontaggio. Effetto di un tentativo mal riuscito con photoshop o difetto dello scatto fotografico? Tempo di pochi interventi sui principali social network con la foto “sbagliata” e l’epic fail è servito. Nel giro di qualche ora i dem di Parma sono stati subissati di commenti ironici, anche da parte dei Cinque stelle, che hanno indicato con le frecce i “doppioni” diffondendo l’immagine in Rete. “Il Pd di Parma clona i partecipanti agli eventi, soprattutto a ‘sinistra’… segui le frecce” ha scritto il M5s cittadino.

IMG_4709 (2)Le spiegazioni sono arrivate in fretta da parte del Pd, che si è difeso chiarendo che si è trattato di un difetto dovuto alla modalità di scatto “panoramica”, che può comportare conseguenze del genere. “Ecco la foto ‘incriminata’ – si legge sul profilo Facebook del partito dopo l’ondata di critiche – La clonazione, frutto di un errore nella funzione panoramica dello smartphone (cosa che può essere capitata a chiunque), ha suscitato ovviamente più interesse dei contenuti dei lavori della giornata. Questo perché ormai la politica si gioca su battibecchi e sterili polemiche più che su discussioni riguardo il merito delle questioni”. I dem hanno invitato poi tutti gli interessati a visitare la galleria fotografica in cui si può constatare effettivamente l’alto numero di intervenuti all’iniziativa, pari a circa un centinaio di persone. “L’iniziativa di sabato, piena di persone e di spunti di alto livello – ha commentato Caterina Bonetti, presidente dell’assemblea comunale del Pd – ha evidentemente preoccupato taluni, ma dimostra ancora una volta che il Partito democratico cittadino è sulla strada giusta, avendo scelto di occuparsi, con un metodo chiaro e innovativo, dei problemi dei cittadini e non di temi lontani dalla vita quotidiana, attivando un reale e non fittizio percorso partecipativo”.