Anche i sordi potranno divertirsi andando al cinema. Dal 24 gennaio, e per quattro domeniche, presso la Casa del Cinema di Roma saranno trasmessi film rivolti alle persone non udenti, con la partecipazione anche di registi e attori. L’iniziativa, la prima del suo genere in Italia, è organizzata dall‘Istituto Luce-Cinecittà in collaborazione con l’Ente nazionale sordi (Ens) della Capitale. “Pensiamo che appartenga ai nostri compiti  – ha detto Giorgio Gosetti, direttore del multisala che si trova all’interno di Villa Borghese – offrire servizi nella linea dei supporti all’accessibilità e mettere in valore anche il cinema italiano più recente, creando le condizioni perché anche comunità di pubblico abitualmente escluse dalla fruizione possano apprezzare il lavoro degli autori, degli interpreti e dei tecnici che oggi danno lustro al nostro cinema”. Il progetto è stato presentato oggi all’interno del cinema romano dal presidente dell’Ens Giuseppe Petrucci, dall’amministratore delegato e presidente dell’Istituto Luce-Cinecittà Roberto Cicutto e da Gosetti.

I film, selezionati dalla Casa del Cinema su indicazione dell’Ente nazionale sordi, saranno proiettati con i sottotitoli e sarà anche messo a disposizione un servizio di interpretariato con il linguaggio dei segni. La rassegna inizia con “Gli ultimi saranno gli ultimi” di Massimiliano Bruno, a seguire “Alaska” di Claudio Cupellini (28 febbraio) e terminerà con altre due pellicole dal titolo “Jeeg Robot” del regista Gabriele Mainetti (13 marzo) e  “Chiamatemi Francesco. Il Papa della gente” di Daniele Luchetti (in programmazione l’8 maggio).