“Se un’associazione, come Libera, diventa troppo grande, se acquisisce interessi che sono anche di natura economica, e il denaro spesso contribuisce a inquinare l’iniziale intento positivo, ci si possono inserire persone senza scrupoli che approfittano del suo nome per fare i propri interessi”. L’attacco arriva da uno stimato pm antimafia, Catello Maresca, il sostituto procuratore della Repubblica di Napoli che tra l’altro ha coordinato le indagini sui Casalesi e la cattura del boss Michele Zagaria. In un’intervista su Panorama in edicola domani, il magistrato napoletano afferma ancora: “Libera gestisce i beni attraverso cooperative non sempre affidabili. Io ritengo che questa antimafia sia incompatibile con lo spirito dell’antimafia iniziale”.

L’affondo arriva proprio nel giorno in cui don Luigi Ciotti, il fondatore di Libera, è stato ascoltato dalla Commissione parlamentare antimafia, che sta svolgendo una serie di audizioni proprio sui temi sollevati da Maresca. Cioè su casi di interessi economici e carriere personali coltivati approfittando della popolare etichetta dei movimenti antimafia, sull’onda di casi di cronaca che hanno coinvolto per esempio Confindustria Sicilia e il magistrato palermitano Silvana Saguto, impegnata appunto sul fronte dei beni confiscati. Libera ha comunque incassato l’immediata solidarietà del presidente della Commissione Rosy Bindi (Pd), secondo la quale le affermazioni di Maresca “sono offensive, assolutamente gratuite e infondate”. Perché il lavoro dei commissari è stato “intrapreso nell’ottica di rilanciare l’antimafia, non per delegittimarla”.

DON CIOTTI: “CHI GETTA FANGO FA GIOCO DELLE MAFIE”. Durissima la reazione di Libera, a cominciare dallo stesso don Ciotti, che ha definito le parole di Maresca “sconcertanti”: “Noi lo denunceremo questo signore, se quelle dichiarazioni saranno riportate domani in virgolettato. Quando viene distrutta la dignità di tanti giovani, io credo sia un dovere difenderli”. E ancora: “Non ho rilasciato nessuna intervista neppure quando Panorama e altri giornali ci hanno gettato fango addosso. Le fonti vanno verificate, le parole non devono essere interpretate. I giornalisti che gettano fango fanno il gioco delle mafie”. Il magistrato, però, non retrocede: “Vedremo se sarà della stessa idea quando avrà letto l’intera intervista, che affronta il tema in modo più ampio”, dice Maresca a ilfattoquotidiano.it. “Poi vedremo in che sede dovremo confrontarci”.

IL PM ANTICAMORRA: “CASI DI PSEUDO ANTIMAFIA”. In un successivo colloquio con l’Ansa, Maresca ha comunque riconosciuto che “Libera è stata ed è un’importante associazione antimafia” e “svolge un ruolo fondamentale”. Però, secondo il pm, “bisogna constatare che, purtroppo, con il tempo, a questo spirito iniziale esclusivamente volontaristico si sia affiancata un’altra componente, che potremmo definire pseudo imprenditoriale. Questo ha comportato, in alcune zone del Paese, come la Sicilia, che persone lontane dai valori iniziali, abbiamo potuto approfittare della fama di Libera per cercare di curare i loro interessi. Questo ha fatto sì”, continua Maresca, “che si snaturasse, in certi luoghi, il reale valore dell’intervento di Libera per fare posto a soggetti non sempre affidabili. Questa pseudo antimafia è incompatibile con lo spirito iniziale”.

IL NODO DEI BENI CONFISCATI: “MA LIBERA NON LI GESTISCE”. Il nodo è sempre quello delle cooperative sociali a cui vengono affidati in gestione i beni immobili confiscati alle mafie, tema affrontato anche da don Ciotti in Commissione: “Le cooperative non sono di Libera, Libera le promuove”. E i beni sono assegnati, per la realizzazione di attività sociali, dai Comuni “con un bando pubblico”. Ai parlamentari guidati da Rosy Bindi, il fondatore di Libera ha spiegato: “C’è un equivoco che qualcuno vuole attribuire a don Ciotti: la capacità di concentrare beni e poteri economici. Non è assolutamente così. Libera gestisce solo sei strutture tra cui un piccolissimo appartamento a Roma”. Inoltre “i fondi europei vanno agli enti locali, non a Libera. Che sia chiaro a tutti: per la gestione dei beni confiscati, Libera non riceve contributi pubblici”. Libera non gestisce, ha sottolineato anche Fava, che ha bollato le dichiarazioni di Maresca come “calunniose e ingenerose”.

“LIBERA SOTTO ATTACCO”. Libera è sotto attacco, ha sostenuto don Ciotti. “Oggi è in atto una semplificazione che mira a demolire con la menzogna il percorso fatto da Libera”. Insomma, “le trappole dell’antimafia le abbiamo ben chiare mai come oggi”. Oggi “è in atto una semplificazione che mira a demolire con la menzogna il percorso fatto da Libera”.

“Purtroppo”, ha continuato Ciotti rispondendo alle domande del senatore Pd Giuseppe Lumia e del vicepresidente della Commissione Antimafia Claudio Fava, “il tentativo di infiltrazione c’è ed è trasversale in Italia. Le nostre rogne sono cominciate con 17 processi in cui Libera si è costituita parte civile”. Altri problemi, poi, “sono nati con le cooperative. Ogni sei mesi noi chiediamo alla prefettura di verificare perché cammin facendo abbiamo scoperto che delle situazioni erano mutate e siamo dovuti intervenire noi – ha precisato -. Sono 1600 le associazioni coordinate da Libera, alcune grandi e a livello nazionale”.

MARESCA: “VENDERE I BENI NON SIMBOLICI”. Il pm Maresca chiede una riforma di tutto il sistema. L’Agenzia Nazionale per i Beni Confiscati, sostiene, non riesce a svolgere il compito: “Bisognerebbe incidere sulla normativa che prevede la destinazione dei beni confiscati, tenendo conto di quelli che possono e che devono avere un valore simbolico nella lotta alla mafia e quelli che invece non lo hanno e che vanno quindi venduti. Scremando questo ‘mare magnum’ di beni, se da 15mila diventano mille, questi possono essere distribuiti in maniera più ampia tra le diverse associazioni e a quel punto avere anche la possibilità di controllarne la gestione e il vero utilizzo sociale. Questo comporterebbe un vantaggio per tutte le ‘serie’ organizzazioni antimafia, come Libera”.