Revoca di sequestri per 7 milioni tra beni e denaro e archiviazione di 3 fascicoli su 4. E’ l’effetto delle nuove norme in materia di reati fiscali introdotte dal governo Renzi sull’attività della Procura di Udine. A dirlo è lo stesso procuratore capo Antonio De Nicolo: “Nel giro di 10-15 giorni dobbiamo disfare un lavoro costato mesi di fatiche investigative” spiega. “Se questa è la volontà popolare noi ci inchiniamo” aggiunge. Si tratta della riforma del sistema sanzionatorio penale tributario varata dall’esecutivo e per il quale già nella primavera scorsa il procuratore aggiunto di Milano Francesco Greco aveva paventato il rischio di “un condono gratuito” e decine di processi “mandati al macero“.

La revoca dei sequestri di cui parla il procuratore di Udine De Nicolo dipende dall’entrata in vigore delle nuove norme sui reti tributari varate durante l’estate, che innalzano le soglie di punibilità per l’omesso versamento di ritenute certificate e dell’Iva rispettivamente da 50 a 150mila e 250mila euro di imposta evasa. Maglie più larghe: così la magistratura friulana dovrà chiedere al gip nelle prossime settimane l’archiviazione di 73 fascicoli su 97 in quanto il fatto non è più previsto dalla legge come reato. “I magistrati obbediscono alle leggi perché questo è il loro dovere” precisa De Nicolo, annunciando che i suoi sostituti si sono già attivati per procedere alla revoca urgente dei sequestri ottenuti nei mesi scorsi dal tribunale e restituire le somme di denaro “congelate”. Le norme non prevedono infatti neanche la conversione automatica del sequestro penale in sequestro a fini amministrativi a favore dell’Agenzia delle Entrate per gli illeciti tributari. Proseguiranno invece le indagini per 24 fascicoli per fatti in cui sono contestate evasioni fiscali per cifre ancora sopra la soglia che fa scattare il reato.

Altri effetti delle nuove normative fiscali erano emersi in altri due casi noti. Prima con l’assoluzione dell’amministratore delegato di Sisal Emilio Petrone, accusato di dichiarazione infedele, perché “il fatto non è più previsto dalla legge come reato. Poi con quella, con identica motivazione, dell’ex patron dell’Ilva e di altri manager del siderurgico di Taranto per i quali l’accusa era di frode.