Ventiquattro macchine. Non è un numero da capogiro per un car sharing, ma se è elettrico le proporzioni cambiano. A Palermo è stato inaugurato oggi dal sindaco Leoluca Orlando il maggiore servizio di car sharing elettrico del Sud Italia: il bando è stato vinto dalla Renault, che ha fornito 24 Zoe, mentre l’installazione delle 16 colonnine da 22 kW (che caricano le Zoe in un’ora circa) è stata curata dall’Enel. A Palermo sta nascendo una “piattaforma di mobilità condivisa” con 102 auto a metano, 24 auto elettriche, da novembre, 400 biciclette, di cui 20 a pedalata assistita.

Oggi, 3.200 palermitani hanno già aderito al car sharing, che con un’unica tessera permette di utilizzare tutte le vetture, a metano o elettriche che siano. Il servizio offerto è di tipo “a postazione fissa“: le macchine possono essere ritirate e restituite in 5 stazioni distribuite in città, che nei prossimi mesi diventeranno 8. L’abbonamento al servizio costa 25 euro l’anno, cui si aggiunge il consumo: per usare una Zoe, se si lascia l’auto nella stessa stazione in cui la si è presa, si paga una tariffa oraria di 2,00 euro (solo 75 centesimi di notte) più una chilometrica, 0,45 euro al km per i primi 100 km.