Un video, girato alla fine di luglio in Arabia Saudita, nella città di Jeddah, è diventato virale in questi ultimi giorni. Le immagini ritraggono due giovani donne – vestite con abiti tradizionali a viso coperto – in una situazione di grande difficoltà mentre, accerchiate da un gruppo di uomini vengono vessate e intimidite. Il video ha suscitato indignazione nel Paese, spingendo le autorità ad aprire un’indagine sull’accaduto. La polizia ha fermato sei ragazzi, che sono stati interrogati, ma l’accusa è stata ribaltata a sfavore delle donne, accusate di aver provocato la reazione della folla con atteggiamenti da miscredenti.

Determinante nel ribaltamento dell’accusa un secondo video, presumibilmente ripreso pochi istanti prima dell’altro, che mostra le stesse donne in sella a un quad mentre si divertono sul lungomare. Le immagini pretenderebbero di mostrare come una delle ragazze abbia guardato gli uomini in modo “seducente e allettante”.

Nel montaggio effettuato dal Fatto.it i due video vengono proposti in quella che sarebbe al loro reale successione temporale.