Il gup di Milano Fabio Antezza ha accolto la richiesta di patteggiamento di Gianna Nannini, nel procedimento che la vede accusata di una presunta evasione fiscale da 3 milioni e 750mila euro. La pena sarà di 1 anno e 2 mesi di carcere, con la sospensione condizionale della pena e senza che la condanna venga menzionata nel casellario giudiziario. Nei giorni scorsi il legale della rockstar, l’avvocato Giulia Bongiorno, avrebbe raggiunto l’accordo con la Procura. Da quanto si è saputo la Bongiorno, nella fase delle indagini, aveva depositato alcune fatture che l’accusa riteneva inesistenti. In questo modo, secondo la difesa, l’importo della presunta evasione si sarebbe ridotto a circa un milione di euro.

La Nannini, spiega l’avvocato Bongiorno, “amareggiata e sorpresa dalla vicenda, nel ribadire l’assoluta trasparenza della propria condotta, nega recisamente qualsiasi interposizione fittizia con società estere e sottolinea che gli addebiti sono riferibili esclusivamente all’operato di soggetti terzi nei quali nutriva una sconfinata e tuttavia malriposta fiducia“. Dunque la decisione della Gmg Musica, la società della cantautrice, di arrivare a un accordo conciliativo con l’Agenzia delle entrate “deriva dalla volontà di mettere al più presto la parola fine ad un doloroso capitolo giudiziario”.