“Partecipiamo alle prossime politiche per vincere”. E’ sceso a Roma addirittura Gianroberto Casaleggio per fare l’analisi del dopo ballottaggi e commentare le vittorie a Porto Torres, Venaria, Gela, Augusta e Quarto. Il cofondatore del Movimento 5 Stelle ha deciso di presentarsi in Parlamento per incontrare i membri del direttorio (Di Maio, Di Battista, Sibilia, Ruocco e Fico) e studiare le prossime mosse. “C’è ottimismo soprattutto per il futuro” ha commentato uscendo da Montecitorio. Un discorso fiducioso che ricorda lo slogan “vinciamo noi” delle Europee di maggio 2014 che poi venne trasformato in un “vinciamo poi” dopo il risultato poco soddisfacente.

Ora Casaleggio pensa a preparare i suoi in vista delle elezioni politiche, anche se bisognerà aspettare il 2018. “Noi vorremmo sviluppare i temi più che la squadra. Stiamo pensando ad una proposta di governo con i temi che sono già riassunti nei punti di programma”. Quanto al candidato presidente del Consiglio: “lo deciderà il Movimento”, ha precisato Casaleggio ricordando che né ora né mai il M5s farà alleanze con gli altri partiti. “Non ne abbiamo fatte nemmeno per le amministrative. Sono state un invenzione dei giornali”. Tra le priorità per il Movimento c’è sicuramente la proposta di legge sul reddito di cittadinanza: “Speriamo di non dover andare al governo per ottenerlo”, ha concluso.