C’è chi ha lucrato sui rom per i voti e chi per il business dell’accoglienza. Mafia Capitale ha mostrato bene quale fosse questo meccanismo: i campi non li abbiamo creati noi, li ha inventati la politica”. Così Dijana Pavlovic, vicepresidente della ‘Fondazione rom e sinti insieme’, spiega la situazione dei rom in Italia, durante il convegno promosso dall’europarlamentare del Pd Goffredo Bettini alla libreria Arion in piazza Montecitorio. “Bisogna radere al suolo questo sistema, serve – spiega la Pavlovic – una politica chiara e potente per contrastare l’odio fomentato da Matteo Salvini. Adesso devono darci una risposta. L’11 giugno – annuncia – saremo in piazza per chiedere che rom e sinti siano riconosciuti come una minoranza, chiediamo diritti e uguaglianza, siamo un popolo non un problema sociale”. Durante il convegno Bettini ha raccontato anche un aneddoto sul leader del Carroccio: “Eravamo al Parlemento europero, davanti al buffet, e lo vediamo accaparrarsi il piatto di gamberoni. Se li è presi tutti, erano tra le portate più prelibate. Siamo rimasti allibiti. Da questo, oltre che dalle idee politiche, si capisce la volgarità della Lega”  di Irene Buscemi