Erano partiti col bus da New York, diretti alle cascate del Niagara in Canada. Ma a Tobyhanna, in Pennsylvania, dopo due ore e mezza di viaggio, un tir ha invaso la corsia opposta travolgendo il mezzo, che trasportava 14 turisti italiani più la guida e l’autista. Tre delle persone che erano a bordo, incluso l’autista, sono morte, e le altre, tutte ferite, sono state ricoverate negli ospedali più vicini. Alcuni passeggeri, riferiscono dalla Farnesina, sono “gravi” e media locali parlano di quattro in condizioni critiche.

L’incidente è avvenuto poco dopo le 10 (ora locale, le 16 in Italia), a 120 chilometri da New York e a circa 185 a nord di Philadelphia, sulla Interstate 380. La società del bus è la Academy Bus e il percorso era stato organizzato da Viaggidea, un tour operator italiano controllato da Alpitour, che organizza viaggi da New York alle cascate del Niagara e in Canada. Il portavoce di Academy Bus ha specificato che il conducente, morto nell’incidente, “era molto esperto con più di un decennio di guida alle spalle”. 

La scena che si è presentata ai primi soccorritori è stata definita “apocalittica”. La parte frontale del pullman ridotta ad un groviglio di lamiere, le urla dei passeggeri rimasti intrappolati all’interno. “Un inferno”, ha raccontato un automobilista accorso per dare aiuto. Il consolato italiano a Philadelphia, spiegano dal ministero degli Esteri, si è subito attivato ed è in contatto con le autorità di polizia e con i connazionali coinvolti, impegnato a fornire l’assistenza necessaria.

(foto da Twitter)