Passano un trolley ai raggi x e scoprono che dentro c’è un bambino ivoriano di 8 anni. Gli agenti della Guardia Civil spagnola hanno avuto un’incredibile sorpresa ieri, 7 maggio, a Ceuta, città autonoma spagnola sulle coste del Marocco.

È il quotidiano El Paìs a riportare la notizia e a pubblicare la foto. Secondo il giornale spagnolo, alla frontiera di Ceuta, verso mezzogiorno, si è presentata una ragazza marocchina di 19 anni, Fatima. Quelli della Guardia Civil vedendola nervosa hanno ipotizzato che, nel trolley, stesse trasportando droga. Quando le è stato chiesto il contenuto della valigia, la ragazza ha tentato di scappare. Poi  la scoperta: nel trolley non c’erano sostanze stupefacenti, ma Abou, un bambino proveniente dalla Costa d’Avorio.

La ragazza marocchina ha ammesso di aver ricevuto dei soldi per quel trasporto. A darle il denaro, ha raccontato, è stato un uomo che, poco dopo, si è presentato alla frontiera, un ivoriano con regolare permesso di soggiorno. L’uomo, dopo un interrogatorio, ha confessato di essere il padre del bambino e di aver cercato di farlo passare attraverso il confine in quel modo.