Una bomba è esplosa al Cairo, davanti alla stazione della metro nei pressi dell’università a Giza. Otto persone sono rimaste ferite – confermato anche dall’agenzia ufficiale Mena – di cui quattro ufficiali di polizia. Lo ha riferito il sito del quotidiano governativo Al-Ahram, citando il portavoce del ministero della Salute, Hossam Abdel-Ghafar. L’attentato è avvenuto quando a Sharm El Sheikh si è aperto il vertice della Lega araba. Dall’incontro è emerso il completo accordo – tra il re saudita Salman bin Abdulaziz, il presidente yemenita Abed Rabbo Mansour Hadi e quello egiziano Abdel Fattah al-Sisi – su un punto: l’intervento militare guidato dall’Arabia Saudita in Yemen continuerà finché non saranno raggiunti tutti gli obiettivi, la sconfitta dei ribelli sciiti Houthi e la restaurazione della pace nel Paese.