“E’ con viva e vibrante soddisfazione che apprendiamo delle dimissioni del ministro Lupi. Lo apprendiamo con la soddisfazione dei cittadini onesti che finalmente iniziano a vedere le loro ragioni sopravanzare alle ragioni delle lobby che poi sono quelle che tengono in piedi questo governo”. Questo il primo commento di Roberta Lombardi, deputato del Movimento 5 Stelle, all’annuncio di dimissioni da ministro di Maurizio Lupi: “Non credo si apra una crisi di governo, da questa classe politica non mi aspetto niente”, conclude la Lombardi. “E’ un fatto singolare che Lupi annunci le dimissioni a ‘Porta a Porta’ è una forma di malcostume istituzionale che fa il paio con una gestione scriteriata del suo ministro: ormai i ministri rispondono più alla televisione che alla Camera dei Deputati e questo è molto grave” commenta Arturo Scotto, capogruppo di Sinistra Ecologia e Libertà, che assieme al M5S aveva depositato la mozione di sfiducia nei confronti del ministro delle Infrastrutture e Trasporti. “Renzi dovrà spiegare al Paese come è stato possibile che questa crisi non abbia avuto un passaggio parlamentare. Noi chiediamo che vada dal presidente Mattarella e ci dica se esiste ancora una maggioranza di governo”  di Manolo Lanaro