“Oggi il nostro nemico è il potere centrale, un nazismo centrale Nord europeo che ci sta distruggendo. Stanno creando una generazione ‘300 euro’ che produrrà sempre più schiavi. E così colonizzeranno il Sud Europa. Allora questi popoli si devono unire”. Così il deputato M5S Alessandro Di Battista, intervenendo al convegno ‘All’Alba di una nuova Europa’, organizzato nell’aula dei gruppi di Montecitorio. “Non abbiamo in Italia la possibilità di fare politica fiscale, monetaria e fiscale perché – prosegue Di Battista – non abbiamo una moneta nostra e una banca pubblica nazionalizzata. Tutto quello che ci dicono che potrebbe succedere se uscissimo dall’euro, sta già succedendo: la svalutazione dei salari, la deflazione o la perdita del potere industriale. L’euro non è una moneta nostra. Noi non stiamo nell’euro, ma stiamo nel marco sostanzialmente“. E a chi gli chiede di commentare il programma di Syriza, Di Battista risponde: “Ci sono cose buone, ma non le realizzeranno mai restando nell’euro”  di Annalisa Ausilio