L’arcivescovo Antonio Mennini, attuale nunzio apostolico del Regno Unito, testimonierà sul caso Moro lunedì 9 marzo davanti alla nuova Commissione d’inchiesta parlamentare. A riportare la notizia, che potrebbe fare luce sui giorni di prigionia dello statista democristiano rapito dalle Brigate rosse il 16 marzo 1978  e trovato morto il 9 maggio, in via Caetani a Roma, è il Corriere della Sera. La decisione di far testimoniare Mennini è stata presa da Papa Francesco che ha scelto di ‘rompere’ le regole dell’immunità diplomatica di cui godono i nunzi a favore della ricerca della verità. Don Antonello sarebbe stato vicino a Moro durante il tempo della prigionia e lo avrebbe confessato, impartendogli l’estrema unzione, prima dell’uccisione da parte delle Br.

“Don Antonello Mennini raggiunse Aldo Moro nel covo delle Brigate Rosse e noi non lo scoprimmo. Ci scappò don Mennini.”: parole dell’ex Capo dello Stato, Francesco Cossiga. E il ruolo del nunzio, secondo alcune ricostruzioni, sarebbe stato proprio quello di ‘ponte’ fra le Br e la Santa Sede, con l’obiettivo di salvare il prigioniero. A Monsignor Mennini, una volta conclusasi la prigionia con l’uccisione di Moro, fu assegnata una carriera diplomatica all’estero.

L’Arcivescovo, sempre secondo volontà di Papa Francesco, deporrà a Roma, nella sede della Commissione, a San Macuto. Il nunzio, che si è sempre tenuto lontano dai riflettori e non ha mai voluto rilasciare dichiarazioni sul sequestro brigatista, è stato contattato da Corriere della Sera ma non ha voluto commentare. Quali sono le motivazioni che hanno spinto Papa Francesco, dopo essere stato contattato da Giuseppe Fioroni, presidente della commissione Moro, a far testimoniare il nunzio? Far luce sul caso, prima di tutto. E poi la convinzione che chiarire alcune vicende della storia italiana sia necessario per intraprendere un ‘nuovo corso’ anche in Vaticano. “L’arcivescovo – ha dichiarato il presidente Fioroni – è l’uomo che più di tutti fu spiritualmente vicino ad Aldo Moro. Tanti i punti che potrà affrontare. Con Bergoglio, adesso Mennini è libero di parlare”.